ARCHIVIO 4

Ipomea del Negombo, la quindicesima edizione tra piante, fiori, farfalle, gusto e comics

 

Lacco Ameno – Si terrà dal 26 al prossimo 28 maggio la quindicesima edizione di Ipomea del Negombo, mostra mercato di piante rare e inconsuete della fascia temperata calda. L’apertura è  per venerdì 26 maggio dalle ore 15.00 alle 20.30, mentre sabato e domenica il parco Botanico Idrotermale del Negombo aprirà agli appassionati dalle ore 10.30 alle 20.30. Ipomea è una mostra mercato, ma non è moda del verde né marketing, vuole essere affermazione della cultura e del senso del luogo attraverso il mondo delle piante, delle essenze e dei prodotti naturali che da esse derivano. Anche quest’anno ci saranno vivaisti altamente specializzati in collezioni botaniche, espositori, associazioni di categoria, singoli amatori, un mondo vario che ci fa vedere i molteplici volti dell’universo “verde”, che costituiscono una presenza e una realtà sempre più importante negli scenari che oggi ripensano il territorio, il paesaggio e i nuovi modi di vita.Così frutti antichi, piante rare e inconsuete o esotiche si incontrano con ulivi e agrumi. Le piante aromatiche aprono ai sensuosi mondi degli odori e i frutti in estinzione si incontrano con gli agrumi che dominano i nostri paesaggi con le conifere i lecci i corbezzoli e i carrubi dei nostri boschi con le rose e le orchidee che rendono incantati i nostri giardini. Questa quindicesima edizione si collega idealmente a una cultura dell’orto e del giardino che, da sempre, appartiene alla nostra isola ed è viva in tutto il meridione. Ipomea è una festa per gli occhi e tutti i sensi.

“IPOMEA EDULIS” a caccia con gli chef stellati

Saranno gli chef stellati Nino Di Costanzo e Pasquale Palamaro i protagonisti di una caccia alquanto particolare. Frequenteranno i tre giorni della mostra alla ricerca della pianta edulis 2017 per eccellenza, ne studieranno le qualità e ne faranno una ricetta che tutti potranno riproporre nelle proprie cucine. La prescelta che vincerà l’edizione di quest’anno sarà resa nota domenica pomeriggio.

“LEDIPOPTERA” il museo delle farfalle

Annuncio

Dalle farfalle alle falene conosciute come “farfalle notturne” come la meravigliosa Urania riphaeus, detta anche falena arcobaleno, ma anche numerosi esemplari della famiglia dei Brameidi delle Sdingidi e Saturnidi. Tra quest’ultime due intere scatole verranno dedicate alle varie specie delle grandi falene cobra asiatiche dalla enorme Attacus caesar alla meno comune Coscinocera hercules. Saranno loro le protagoniste del museo delle farfalle che in questi anni ha appassionato grandi e piccini A chiudere l’esposizione una coppia della splendida Falena della Regina Isabella, la Fraellsia isabellae probabilmente il più bel lepidottero europeo, sicuramente uno dei più rari con una interessante storia evolutiva che verrà raccontata dal curatore della mostra. Affascinante come sempre sarà la passeggiata in mezzo a decine di esemplari volanti, intenti a nutrirsi su fiori e frutta, corteggiarsi e riprodursi. Il museo delle farfalle resterà aperto fino al 31 luglio e poi ancora per tutto il mese di settembre.

A colloquio con ERMANNO CASASCO, PATRIZIA POZZI E MARCELLO MANNONE

L’appuntamento con i tre architetti del verde  è per il 28 maggio alle ore 16:30  si discuterà degli spazi legati al benessere oggi sempre più vicini al mondo della natura tra piante, rocce, acqua che assumono nel paesaggio un ruolo fondamentale con l’obiettivo di restituire equilibrio e bellezza sia in senso materico che mentale

 IPOMEA LIVE SKETCHING con Simo Capecchi e Alessandro Rak

Tornano anche quest’anno i due illustratori che, in contemporanea con i tre giorni di Ipomea, eseguiranno un reportage grafico in diretta descrivendo le piante più curiose, raccontandone coltivazione, usi e aneddoti e disegnando davanti al pubblico.

 

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close