CRONACAPRIMO PIANO

Ironia sul web per la “nicchia” di Sant’Angelo, la rabbia di Caruso

L’immagine della nicchia con condizionatore realizzata nella strada principale che porta nel borgo serrarese, immortalata dal consigliere regionale Francesco Emilio Borrelli, è diventata virale suscitando sberleffi e sarcasmo. Duro il sindaco di Serrara Fontana: «Ci vuole coraggio, elimineremo quello scempio»

Chi non ha avuto l’occasione di sfogliare una copia del nostro quotidiano di ieri ha perso l’occasione per constatare quanto sia difficile preservare l’isola d’Ischia, bella per natura, dagli interventi sconsiderati di chi ha veramente poco senso estetico e rispetto per il bene comune. Passeggiando verso il centro del borgo marinaresco di Sant’Angelo fa brutta mostra di sé un condizionatore installato in una nicchia di tufo. Un vero e proprio pugno negli occhi lasciato alla mercè delle centinaia di turisti che ogni giorno si incamminano verso una delle mete più ambite dell’isola d’Ischia.

 Un posto bello, raffinato che ancora racchiude in sé quel senso di isola fuori dal tempo e che purtroppo viene deturpato da chi, forse ingenuamente, motivato solo dalla volontà di spezzare la forte calura delle settimane estive, non si è reso conto del tassello di bruttezza apposto in un mosaico composto da bellezza mediterranea, tranquillità, e unicità. Un delicato equilibrio che non è difficile spezzare e che ha attratto l’attenzione e lo sdegno del consigliere regionale dei Verdi Francesco Emilio Borrelli che ha condiviso l’immagine sui social chiedendosi se una situazione del genere sia tollerabile per un’isola che fa dell’accoglienza missione e fonte di sostentamento economico.

Un’immagine che, complice la notevole e assidua presenza sui social del consigliere regionale, è stata intercettata dalla pagina di Facebook “Ingegneria e dintorni” che ha riproposto la foto con una didascalia che scimmiotta le descrizioni delle opere d’arte con un chiaro intento sarcastico. Sotto l’immagine si legge condivisa dalla pagina si legge: “Comune di Serrara Fontana, Ischia. Condizionatore su roccia”. Davvero uno smacco per l’incantevole frazione amministrata da Rosario Caruso che tra l’altro di mestiere fa proprio l’ingegnere e che un colpo del genere deve averlo colpito nel profondo .Tanto da dichiarare: «Ci vuole tanto coraggio a fare quanto in foto.Così vogliamo fare turismo? Complimenti per la genialata. La foto è sulla pagina ingegneria e dintorni,ottima pubblicità. Verrà eliminato questo scempio nel più breve tempo possibile».

Intanto i messaggi scandalizzati non si risparmiano. C’è chi grida al sacrilegio, chi invece invoca gli arresti immediati, chi riconosce che è uno scempio, chi ricorda che questa situazione sussiste da ormai diverso tempo. Ci voleva la segnalazione/denuncia di Francesco Emilio Borrelli, consigliere regionale in forza al partito dei Verdi, per sollevare un polverone e suscitare uno sdegno che ha velocemente fatto il giro del web. E c’è anche chi, con tono accusatorio chiede al sindaco dove fossero gli amministratori. La risposta non si fa attendere:

«La foto è stata scattata pochi giorni fa , a tarda sera.I vigili l’altroieri sono stati a S.Angelo fino al primo pomeriggio. Abbiamo quattro vigili,non possiamo permetterci di avere vigilanza h24. Ma scusate ma per non fare una cosa del genere serve il vigile,il carabiniere o la polizia? Ma scherziamo?

Il senso civico non basta?!!!».. Anche il gestore della pagina “Ingegneria e dintorni” che ha portato alla ribalta nazionale la foto ha commentato: «Devo dire che mi ha fatto molto piacere la reazione del Sindaco. Senza la collaborazione di tutti, senza il senso civico ed il senso comune non è possibile pensare che il territorio venga tutelato e salvaguardato. Questo è un compito di tutti, ognuno per le proprie competenze. Detto questo spero e credo che questa vergogna, perché di vergogna si tratta, venga eliminata quanto prima possibile».

Tags

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close