ARCHIVIO 3ARCHIVIO 5

Ischia, a breve la riapertura della piscina comunale

di Sara Mattera

Ischia. Sono passati molti mesi da quando è calato il sipario sulla piscina comunale di Ischia e sui tanto discussi lavori di ristrutturazione. Lavori che, seppure urgenti e necessari, hanno, difatti, sollevato, lo scorso inverno, un polverone di polemiche.  Come molti di voi ricorderanno e come più volte riportato anche dal nostro quotidiano nei mesi scorsi, l’opera di restyling della piscina comunale “Francesco Ferrandino”, sita in prossimità delle scuole medie “Giovanni Scotti “di Ischia, è stata avviata nel Maggio del 2015 e avrebbe dovuto essere portata al termine poco prima dell’arrivo dell’autunno e dell’inizio dell’anno natatorio 2015/2016. La scadenza, però, non è stata, di fatto, poi ottemperata dal momento che l’opera di ristrutturazione, rimasta inspiegabilmente interrotta per l’intera stagione estiva del 2015, è stata ripresa soltanto lo scorso Ottobre.

Un enorme ritardo, quindi, nel cronoprogramma dei lavori e che ha reso necessaria, nei mesi scorsi, la chiusura della piscina comunale di Ischia, l’unica esistente e fruibile su tutto il territorio isolano per gli amanti del nuoto. Inutile ricordare la rabbia delle associazioni sportive che, all’indomani dell’improvvisa chiusura della struttura, sono state costrette a chiedere ospitalità ad alcuni alberghi isolani, al fine di poter garantire un luogo alternativo ai tanti giovani in cui poter praticare nuoto in attesa della riapertura della piscina comunale.  Una ricerca che, tra l’altro, non si è rivelata neppure delle più semplici: poche infatti – lo ricordiamo – sono state le strutture alberghiere che hanno potuto mettere a disposizione, quest’inverno, una piscina che rispettasse i criteri adeguati per praticare nuoto e pochi anche gli albergatori disposti a modificare l’impianto delle piscina in loro possesso, destinate per lo più ad uso termale.

Oggi, però, dopo quasi un anno di attesa, le vicissitudini vissute, nei mesi passati, dagli amanti del nuoto e dalle associazioni sportive, stanno per giungere al termine.  I lavori di ristrutturazione della piscina comunale di Ischia sono, finalmente, in fase di ultimazione. Nelle scorse settimane, infatti, gli addetti ai lavori hanno completato l’opera di copertura della piscina in questione e hanno avviato le operazioni di montaggio dei pannelli fotovoltaici che, garantiranno un efficientamento energetico. «I lavori – ci ha anticipato il Consigliere Comunale di Ischia, Ottorino Mattera – sono quasi giunti al termine. Entro metà settembre saranno consegnati e la piscina sarà riaperta al pubblico».  Giusto in tempo, insomma, per l’inizio del nuovo anno natatorio che restituirà a quanti desiderosi di praticare nuoto, l’opportunità di ritornare ad allenarsi nella piscina comunale.

E la nuova struttura che accoglierà grandi e piccoli nuotatori sarà certamente innovativa. L’opera di ristrutturazione portata avanti in questo lungo anno, infatti, ha visto la sostituzione della precedente copertura in lamiera della piscina, con un sistema di pannelli fotovoltaici; l’impermeabilizzazione e la ripavimentazione del bordo piscina con conseguente installazione di un impianto di climatizzazione invernale ed estivo ed una serie di lavori complementari di impiantistica. Dal prossimo autunno, quindi, niente più sacrifici per quanti, lo scorso inverno, sono stati costretti a praticare nuoto in strutture non adeguate e per quanti – soprattutto giovani campioni in erba – pur di inseguire il sogno di qualificarsi alle gare nazionali, sono stati costretti a recarsi in strutture situate sulla terraferma.

Nonostante, però, l’imminente riapertura della piscina comunale 2.0, lo spazio sull’isola a disposizione per chi vuole praticare il nuoto, resta comunque esiguo. Non a caso, ricordiamo, nei mesi scorsi, la chiusura dell’unica piscina comunale di Ischia, ha spinto la comunità isolana a mettere sotto pressione le amministrazioni del territorio per la realizzazione di una nuova struttura natatoria, soprattutto nel versante sud- ovest dell’isola. Una possibilità questa, che sarebbe stata fattibile per il Comune di Forio, dove secondo alcune indiscrezioni, trapelate nei mesi scorsi, ci sarebbe già un piano regolatore per la realizzazione di una ipotetica piscina, ma su cui, però, non ci sono ancora stati riscontri concreti. Resta, quindi, ancora l’auspicio per la realizzazione di un ulteriore piscina che possa soddisfare le molteplici esigenze dell’intera comunità isolana. Nel frattempo, comunque, mentre si attendono risvolti su questa spinosa situazione, novità all’orizzonte anche per il palazzetto Federica Taglialatela, situato in quel di Fondo Bosso e che è interessato dallo scorso Dicembre da un’opera di ristrutturazione. Anche in questo caso, come per la piscina comunale, i lavori sono ormai giunti al termine e dal prossimo autunno le associazioni sportive potranno ritornare in pista.

sommari

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close