Statistiche
ARCHIVIO 3ARCHIVIO 5POLITICA

Ischia area disagiata, volge al termine la petizione

Si avvia alla conclusione la raccolta firme per il riconoscimento di Ischia ad area disagiata. Dopo settimane di intenso lavoro, il Comitato Unitario per il Diritto alla Salute, promotore dell’iniziativa, sta infatti procedendo a riordinare tutta la documentazione in vista della definitiva consegna a chi di competenza. La petizione lanciata lo scorso 19 marzo – e indirizzata al presidente della Repubblica Sergio Mattarella, al Ministro della Sanità Beatrice Lorenzin, al presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca e al direttore dell’Asl Napoli2 Nord Antonio D’Amore – si riproponeva di sollecitare questi ultimi a riconoscere al settore sanitario dell’isola particolari attenzione e deroghe. Una richiesta spinta proprio dallo stato di insularità di Ischia  e che, rendendo difficoltose le condizioni di lavoro dei pendolari del nosocomio lacchese, crea molteplici disagi anche all’utenza.  

A due mesi di distanza dal lancio dell’iniziativa, i membri del Comitato guidato da Gianna Napoleone hanno quindi avviato nei giorni scorsi la raccolta dei vari moduli firme ubicati nelle diverse strutture pubbliche dell’isola che in queste settimane si sono rese disponibili a collaborare per questa importante battaglia. Una battaglia che ha visto un grande coinvolgimento da parte della comunità isolana che è accorsa, ben volentieri, a dare il proprio contributo alla petizione. Sebbene  sia ancora presto per un dato definitivo, più di seimila sarebbero le firme raccolte in queste settimane dal Cudas. Un risultato piuttosto soddisfacente e che attesta, nero su bianco, quanto sia fortemente sentita da parte della comunità ischitana l’esigenza del riconoscimento del territorio in questione ad area disagiata.

Nei prossimi giorni, il comitato isolano continuerà a raccogliere tutta la documentazione e procederà alla conta definitiva delle firme. Successivamente la petizione sarà inviata agli organi della Regione Campania, cui spetterà l’ultima parola su questa importante vicenda. Una vicenda per la quale, lo ricordiamo, si sono attivati nel corso di questi mesi non solo i membri del Cudas, ma anche altri importanti personaggi del panorama istituzionale campano. Tra questi anche il consigliere regionale di “Davvero Verdi” Francesco Emilio Borrelli, che qualche settimana fa aveva indirizzato un’interrogazione in merito al presidente Vincenzo De Luca.  In occasione dell’avviata conclusione della raccolta firme per la petizione isolana, i membri del Cudas in queste ore hanno colto l’occasione per ringraziare quanti in questi mesi hanno profuso il proprio impegno in questa battaglia per il miglioramento della qualità dei servizi sanitari dell’isola.

Sara Mattera

Ads

Articoli Correlati

0 0 voti
Article Rating
Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Visualizza tutti i commenti
Back to top button
0
Mi piacerebbe avere i vostri pensieri, per favore commentatex
()
x