Statistiche
CRONACA

Ischia Covid free, il plauso degli albergatori

Arriva un sì anche per l’idea del bollino “Covid Free”, una certificazione che sarà attribuita a tutte le strutture sanitarie che avranno vaccinato almeno il 90% dei loro dipendenti

Ischia è Covid free. Questa mattina arriverà l’annuncio ufficiale da parte del presidente della giunta regionale della Campania Vincenzo De Luca. Intanto a Procida e Ischia nasce l’idea del bollino “Covid Free”, una certificazione che sarà attribuita a tutte le strutture sanitarie che avranno vaccinato almeno il 90% dei loro dipendenti. E cosi alberghi, ristoranti, bar e stabilimenti balneari delle due isole flegree, potranno esporre il suddetto bollino per certificare la vaccinazione da parte della maggior parte del personale. Secondo i dati ufficiali a disposizione, oltre alle categorie protette e a tutte quelle al lavoro nei servizi pubblici, oltre il 70% della popolazione, dai 18 anni in su, ha ricevuto almeno la prima dose del vaccino. Un risultato ricercato e decisamente positivo, che attira turisti italiani e stranieri sull’isola verde.

«Il turista adesso cerca luoghi sicuri e sapere che la nostra isola è Covid free certamente aiuta». Così Luigi Polito di Imperatore Traver esordisce. Ed ancora: «Andare in vacanza su un’isola dove tutta la popolazione è vaccinata, rappresenta un valore aggiunto. Questa situazione, però, deve essere bene comunicata. Tutto il mondo deve sapere che la nostra isola è Covid free e che può venire a trascorrere una vacanza in piena sicurezza». Ma c’è anche un altro aspetto che sottolinea l’imprenditore ischitano: «Bisogna creare un ‘protocollo’ di accoglienza. Bisogna accogliere turisti con dei tamponi negativi effettuati nell’arco di un paio di giorni prima della partenza». E non solo. «Sarebbe necessario fare dei tamponi sia in entrata che in uscita, anche a carico della struttura alberghiera», spiega ancora Polito per il quale «Bisogna dare serenità e sicurezza a tutti». Senza dimenticare la sicurezza e la salute di chi lavora nel comparto turistico. «Tutti i titolari di strutture turistiche devono sottoporre periodicamente i propri dipendenti al tampone».

Insomma per Polito «Abbiamo lottato tanto per ripartire e dobbiamo difendere questa situazione. Dobbiamo difendere la nostra isola Covid free». Intanto c’è uno spiraglio per il ritorno alla normalità. «I tuisti stranieri stanno cominciando a pianificare il ritorno sulla nostra isola a partire dal mese di settembre». questo è uno spiraglio positivo. E Polito lancia un monito: «Dobbiamo registrare un cattivo andamento: voler fare il business buttando giù le tariffe. E ciò sta disturbando, e non poco, il mercato. Oggi ci sono clienti nuovi che non guardano la tariffa ma che vogliono qualità. Per questo dobbiamo tenere lontano il voler a tutti i costi abbassare le tariffe a costo della qualità. Ciò porta solo all’autodistruzione dell’isola», chiosa Polito.

Articoli Correlati

0 0 voti
Article Rating
Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Visualizza tutti i commenti
Back to top button
0
Mi piacerebbe avere i vostri pensieri, per favore commentatex
()
x