CRONACAPRIMO PIANO

Ischia, croci e delizie della stagione turistica

Primi bilanci dell’estate isolana 2019 tra conferme e sorprese, positive e negative

Il ferragosto segna l’abituale giro di boa dell’alta stagione turistica isolana. Si cominciano a tirare le prime somme in alcuni settori nevralgici, che soprattutto d’estate sono determinanti per la riuscita delle molteplici attività collegate al turismo. Mentre alcune problematiche sembrano tuttora irrisolte pur trascinandosi ormai da decenni, in altri settori fortunatamente è andata meglio del previsto. Il trasporto pubblico terrestre, così come lo stato della sanità, escono malconci da questa estate, così come la qualità generale del turismo che l’isola attira, la mancata programmazione degli eventi e il traffico, che resta al vertice della hit parade delle criticità isolane. Un po’ meglio del previsto i trasporti marittimi e la gestione rifiuti. Tra i settori da valutare positivamente c’è l’attività della Forze dell’Ordine, sempre in prima linea per contrastare le illegalità e garantire il rispetto della legge; da segnalare inoltre la bella sorpresa del nuovo dispositivo di traffico istituito agli imbarchi del porto d’Ischia. La soluzione adottata dall’amministrazione di via Iasolino ha finalmente debellato il gravissimo problema del congestionamento della zona portuale, vincendo anche le resistenze dei tanti che si opponevano a tale dispositivo. Ecco quindi di seguito una sintetica carrellata sui “più” e i “meno” dell’estate isolana 2019.

Articoli Correlati

Un commento

  1. Quest’anno luglio è sembrato giugno e agosto sembra luglio, c’è talmente tanta poca gente che certi alberghi pubblicizzano le loro offerte su Facebook. E siamo nel periodo di altissima stagione..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close