Statistiche
CRONACAPRIMO PIANO

Ischia, il covid è ovunque: i positivi sono 2.909

E’ quanto emerge dall’ultimo rapporto dell’Associazione Ingegneri, aggiornato allo scorso 19 gennaio. 1.160 i nuovi casi in una settimana, la crescita del contagio appena “arginata” dai 517 guariti

I numeri erano attesi in crescita, anzi in decisa impennata, e le previsioni sono state rispettate. In fondo, alzi la mano chi si aspettava un resoconto più “light”, l’aria che si respirava era quella senza alcun dubbio. Il covid sull’isola d’Ischia vede un nuovo deciso aumento dei contagi nei sei Comuni anche se per fortuna il dato non pare essere più esponenziale. E’ quanto si evince dal nuovo report redatto dall’Associazione Ingegneri Isola d’Ischia che ha pubblicato i dati aggiornai a mercoledì 19 gennaio. E allora andiamo subito ai numeri, visto che la matematica non è un’opinione. Mai sul nostro territorio c’era stato un numero così elevato di attualmente positivi, non si arriva a tremila unità davvero per un’inezia. I contagiati sono precisamente 2909 e sono così distribuiti: 834 a Ischia, 756 a Forio, 512 a Barano, 438 a Casamicciola, 231 a Lacco Ameno, 138 a Serrara Fontana. Il virus insomma continua a correre e anche questa non è una sorpresa visto che a sentire gli esperti ci avviciniamo a quella fascia temporale compresa tra fine gennaio ed inizio febbraio nella quale si dovrebbe raggiungere il picco del contagio su scala nazionale.

I dati dicono anche che rispetto al bollettino pubblicato la settimana scorsa, si registrano nuovi 1.160 casi, e il bilancio degli attualmente positivi avrebbe potuto essere ancora più pesante se nel frattempo non si fossero registrati 517 guariti. Dunque, rispetto ai 2.269 contagiati del precedente report, il saldo segna un + 640, segno di come il covid stia galoppando ed anche a velocità sostenuta. Ma non è questa l’unica brutta notizia. Nella notte tra giovedì e venerdì purtroppo presso l’ospedale Rizzoli si sono registrati due nuovi decessi, entrambi presso l’ospedale Rizzoli di Lacco Ameno. Una delle vittime era ricoverato da tempo in terapia intensiva, era vaccinato ma presentava una serie di patologie che lo rendevano purtroppo debole. Il secondo caso riguarda un paziente che si trovava in sub intensiva da alcuni giorni. Un terzo decesso si era invece verificato alcuni giorni fa, vittima una persona non vaccinata e giunta presso l’ospedale in condizioni purtroppo già decisamente critiche. Sale così a 45 il numero dei morti da covid 19 sulla nostra isola nelle quattro ondate che hanno caratterizzato questa lunga e maledetta pandemia. I ricoveri presso il nosocomio lacchese restano otto, dunque la situazione rimane allo stato dell’arte ampiamente sotto controllo.

Altri due decessi all’ospedale Rizzoli, dove attualmente sono otto i ricoverati. Vaccini, il 54% degli isolani ha ricevuto la terza dose ma a molti – contagiati di recente – il richiamo non servirà

Uno sguardo anche al capitolo legato alle vaccinazioni, con la piattaforma Soresa che ha aggiornato le percentuali che dicono quanto segue: l’81% della popolazione isolana ha completato il ciclo vaccinale di due dosi, il 63% si è fermato ad una dose (ma ricordiamo che sono stati somministrati molti vaccini Johnson & Johnson), il 54% degli isolani, invece ha ricevuto la terza dose. Il comune di Ischia resta il comune con le percentuali più alte, nel caso delle terze dosi è già al 61%. Il ritorno al meccanismo delle prenotazioni ha posto fine anche alle assurde code che si registravano all’esterno del Palasport “Taglialatela” ma è chiaro che con le terze dosi siamo praticamente arrivati quasi ai titoli di coda. Chi ha infatti contratto il covid di recente, e non parliamo di quattro gatti, non avrà bisogno di riceverla.

Ads
Ads

Articoli Correlati

0 0 voti
Article Rating
Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Visualizza tutti i commenti
Back to top button
0
Mi piacerebbe avere i vostri pensieri, per favore commentatex