Statistiche
SPORT

Ischia, Monti: «Un’ottima gara, abbiamo vinto contro una grande squadra»

Il tecnico gialloblù si complimenta con la propria squadra. Castagna: «Volevamo vincere e cis iamo riusciti grazie anche al nostro pubblico»

Ischia odore di Eccellenza. Gli isolani vincono il clou contro il Pianura grazie a super Castagna e si portano al comando, successo fondamentale per Monti e compagni che sentono la promozione mentre Sarnataro subisce il sorpasso ma resta a +10 sulle avversarie e potrà ripartire da una buona base. Di seguito le interviste del post partita. Partiamo dal tecnico Monti.

Battuto il Pianura 2-1 in casa e l’Ischia diventa capolista: una gran bella partita, due impatti che hanno deciso la partita e sono stati determinanti…

«Il secondo tempo a mio parere è stato ottimo, soprattutto se consideriamo che per buona parte eravamo in dieci. Abbiamo giocato in dieci contro undici contro una squadra che ha dimostrato il proprio valore, allenata ottimamente dall’amico Sarnataro. Per noi la vittoria è importantissima perché ci dà continuità e perché l’abbiamo ottenuta contro una grande squadra».

Entra Gigio Trani nella ripresa e la partita cambia…

«Gigio Trani è uno di quelli che sono stati febbricitanti fino a mercoledì insieme a Di Costanzo e a Kikko Arcamone, non c’è dubbio che ha fatto benissimo da quando è entrato. Ma noi dobbiamo calcolare sempre che le sostituzioni vanno fatte per cercare di migliorare la condizione di gioco della squadra e sempre tenendo conto delle caratteristiche dei ragazzi, gli equilibri, i ruoli e gli under quindi nella ripresa ci siamo schierati diversamente sfruttando un centro campo più esperto con Saurino e che si portasse avanti, con due esterni rapidi come Gigio e Castagna e Rubino che anche lui ha fatto un’ottima partita. Siamo riusciti ad andare in vantaggio e credo che l’abbiamo anche ben legittimato visto che nel secondo tempo in due tre contropiedi potevamo fare anche il 3-1».

Ads

Sul gol del Pianura il direttore di gara smebra avesse fischiato il calcio di rigore poi la palla è entrata in porta ed ha confermato la rete, tra le proteste dell’Ischia…

Ads

«Io dalla panchina non ho visto nulla, se ha fischiato un rigore forse ha intravisto qualche fallo di mano perchè la palla è passata vicino a Saurino che stava messo in una posizione che poteva trarre in inganno, ma non so di più».

Ischia capolista più 2 sul Pianura, si va poi sul campo dell’Ercolano, un’altra partita complicata ma possiamo dire che oramai l’Ischia ha capito che può andare in Eccellenza…

«Ma l’Ischia ha sempre saputo di essere un’ottima squadra, io l’ho detto dall’inizio. Ma come vi ho sempre detto il campionato si deciderà nelle ultime sei partite. Pr quanto ci riguarda abbiamo Ercolano, poi Quartograd e Rione Terra in trasferta. Dopo queste vedremo come siamo messe, ripeto un punto sopra, uno sotto, ma dipenderà tutto da noi».

Passiamo a Castagna, autore della doppietta vincente: «Siamo entrati in campo con la mentalità giusta. Volevamo vincere la partita e lo volevamo più di ogni altra cosa, perché gare del genere possono essere pericolose se non le prendi di petto. Abbiamo sofferto un po’ nel primo tempo, ma poi fortunatamente abbiamo trovato subito il gol nel secondo tempo e la partita si è messa sul piglio giusto -in merito poi all’espulsione di Sogliuzzo dichiara – sinceramente non ho capito e non me ne sono nemmeno reso conto, noi stavamo attaccando e non ho capito il motivo per il quale abbia preso l’espulsione. Ho visto solo l’arbitro che cacciava il cartellino. Dispiace perché Mario è un calciatore importante per noi e che in campo non si risparmia mai. Comunque l’avremmo perso per diffidala settimana prossima».

Un magnifico pubblico?

«Assolutamente, quello che volevamo ricreare l’entusiasmo e la voglia di tornare al campo. Pian piano ci stiamo riuscendo e per noi è fondamentale perché il pubblico ti trasmette tanto, t fa venire l’adrenalina giusta. E’ bello avere tutte queste persone, tutti questi tifosi sugli spalti».

Ischia capolista e sempre più convinta dei propri mezzi…

«Eravamo consapevoli dei nostri mezzi fin dall’inizio del campionato, al di là di qualche passo falso. Rispetto all’inizio forse stiamo creando qualcosina in meno ma stiamo diventando più cinici ed è quella la cosa importante»

Dal canto suo invece Sarnataro dichiara: «Due gol che mi lasciano non rammaricato, perché comunque venire a giocare a Ischia contro una squadra importante sappiamo che può succedere di tutto, però prendere due gol entrambi dopo un minuto e mezzo che si è scesi in campo per delle autentiche dormite in una gara così importante è davvero troppo. Noi abbiamo fatto due autentici regali poi è stata brava l’Ischia a rimanere compatta a giocare d’esperienza e a portare la vittori a casa, anche se noi ci abbiamo provato soprattutto nel primo tempo dove il gol subito c ha fatto svegliare e abbiamo fatto la nostra gara, poi il gol de secondo tempo ci ha tagliato le gambe – e ancora aggiunge facendo riferimento alla superiorità numerica – l’Ischia è stata molto brava, noi abbiamo fatto fatica ad andare sugli esterni, a creare due contro uno, ma non era facile. Era una partita importante quella con l’Ischia ma non determinante, indubbiamente abbiamo perso la vetta ma ci sono ancora tante partite e sarà difficile sia per noi che per loro, così come per le altre compagini. C’è ancora tanto da vedere e ancora tanto da sudare. No andremo avanti come abbiamo fatto fino adesso cercando il massimo su ogni campo. Se meriteremo, festeggeremo».

Articoli Correlati

0 0 voti
Article Rating
Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Visualizza tutti i commenti
Back to top button
0
Mi piacerebbe avere i vostri pensieri, per favore commentatex
()
x