Statistiche
ARCHIVIO 4ARCHIVIO 5

Ischia nel ricordo di Visconti con il finissage “Cronaca di una perdita”

di Isabella Puca

ISCHIA – Si conclude oggi la mostra “Cronaca di una perdita” inaugurata, lo scorso 17 marzo alla Biblioteca Antoniana nell’ambito delle celebrazioni per il quarantesimo anniversario dalla scomparsa di Luchino Visconti. In questi mesi, nelle sale  della Biblioteca è stato predisposto un percorso che, partendo dagli anni che il regista trascorse qui a Ischia, arriva a quel 17 marzo del 1976 quando tutti i giornali dell’epoca aprirono con la notizia della morte del Maestro. Le foto custodite da Tonino Baiocco sono state messe in mostra per l’occasione, alcune lo ritraggono in abiti da sposo mentre promette il suo sì dinanzi a un testimone d’eccezione, Visconti, appunto, e ancora altre foto fermano nel tempo le serate alla Lampara dove, con Tonino, Visconti conobbe alcuni tra i più grandi attori. Durante l’apertura della mostra tante le emozionanti testimonianze di chi Visconti lo ha conosciuto davvero, come Tonino suo grande amico e Anna Pilato che ammirò, bambina, l’eleganza della famiglia Visconti che trascorreva le vacanze qui a Ischia.

Testimone oculare della classe del maestro che salutava sua madre, proprietaria del Regina Palace, struttura che fu sua dimora prima della Colombaia, con un bacia mano che solo lui avrebbe potuto fare, nei ricordi della Pilato, un’isola che non c’è più così come quei grandi personaggi che la frequentarono. «Alla partenza, il saluto e l’arrivederci al primo sorriso della primavera, un grazie consapevole alla padrona di casa, mia madre, che con il temo non ha perso la grazia gentile della sua bellezza e che faceva in modo che dai primi boccioli di giugno agli ultimi di luglio, ogni giorno, recisa di fresco, nella camera di Luchino Visconti i fosse sempre una gardenia bianca». Fu questo uno dei bellissimi ricordi ripotati alla luce dalla Pilato, che lascia ben chiaro uno spaccato di vita del maestro che scelse Ischia, in modo particolare Forio, come sua ultima dimora. Da quei ritagli di giornale, da quelle foto, che oggi ritornano a casa Baiocco è trapelata un’immagine inedita del maestro, e di un’isola che sapeva accogliere e farsi amare.  In occasione del finissage della mostra, la Biblioteca Comunale Antoniana e la Fondazione Opera Pia Iacono Avellino Conte, proporranno a partire dalle 18:30, presso la sala conferenze “Mons. O. Buonocore”,  “Raccontando Visconti”. L’evento vedrà la proiezione di due documentari che mireranno a raccontare l’uomo e l’artista. Il primo appuntamento sarà alle 18;30 con  “Gli angeli nascosti di Luchino Visconti” di Silvia Giulietti (2007) (min. 55); il secondo alle 19;30 con  “SUSO. La signora del cinema italiano” di Luca Zingaretti (2008) (min. 58).

Articoli Correlati

0 0 voti
Article Rating
Sottoscrivi
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
Visualizza tutti i commenti
Back to top button
0
Mi piacerebbe avere i vostri pensieri, per favore commentatex