ARCHIVIO 3ARCHIVIO 5CRONACAPRIMO PIANO

Ischia, programma triennale dei lavori pubblici: servono 51 milioni di euro

ISCHIA – Qual è la voce che più di tutte peserà sul bilancio del comune di Ischia nei prossimi 2 anni? Senz’ombra di dubbio il Servizio di Igiene Urbana affidato agli operatori di Ischiambiente. Sono ben 10 i milioni di euro che presumibilmente il comune di Ischia spenderà, nei prossimi due anni per raccogliere, stoccare e spedire in terraferma le tonnellate di rifiuti che ogni giorno produciamo con una costanza disarmante. 5 milioni e 69 mila euro nel 2019 e altri 5 milioni e 69 mila euro per il 2020.

Una spesa colossale che, semmai e ne fosse bisogno, ricorda agli isolani che una delle porzioni di spesa che maggiormente incide sui bilanci amministrativi è proprio la gestione dei rifiuti.

I colpevoli? Basta analizzare una giornata tipica che caratterizza la quotidianità di un isolano per rendersene conto. Primo indiziato sicuramente la plastica, elemento onnipresente utilizzato un po’ per tutto , anche persino per confezionare la frutta. Ma anche vetro, indifferenziato e umido concorrono a creare le tonnellate di rifiuti che ogni giorni spediamo sulla terraferma, facendo levitare i prezzi di gestione alle stelle. Una campagna di sensibilizzazione che possa convincere cittadini, supermercati, ristoranti e altri grandi produttori di immondizia inizia a essere necessaria, non solo per rendere più bello e pulito l’ambiente, ma anche per risparmiare soldi, e non pochi da investire magari per abbellire l’isola che può e deve tornare a essere verde, non solo per il tufo, ma anche per l’ecosostenibilità.

Rifiuti. Questa la spesa più gravosa dello schema di programma triennale delle opere pubbliche 2019-20 deliberato di recente dal comune di Ischia con i voti favorevoli del vice sindaco Luigi Di Vaia, dell’assessore Paolo Ferrandino e dell’assessore Roberta Boccanfuso. Assenti gli assessori Carolina Monti e l’assessore Luca Spignese.

Per la realizzazione del programma triennale dei lavori pubblici dell’amministrazione è stato calcolato che sarà necessario trovare 51 milioni di euro. La maggior parte verrà ricavata dalle risorse derivate da entrate aventi destinazione vincolata per legge. 7 milioni il primo anno, 15 il secondo e 23 il terzo. Altri 2 milioni saranno presi da risorse derivate da entrate acquisite mediante contrazione di mutuo. Altri 2 milioni e 700 mila euro da risorse acquisite mediante apporti di capitali privati e un milione da stanziamenti di bilancio.

Annuncio

 

DETTAGLIO COSTI DEL PROGRAMMA TRIENNALE DI LAVORI PUBBLICI 2019/2021

 

Quali saranno le maggiori spese del comune di Ischia?  Per i buoni Pasto si spenderanno 80mila euro, per la  Pulizia Ordinaria 176 mila euro. Il comune per far fronte nei prossimi due anni alle spese di telefonia che consentiranno a impiegati, consiglieri e assessori di effettuare il proprio lavoro è prevista la spesa di 100 mila euro. Per la gestione delle entrate comunali, misto con individuazione socio privato e socio comunale società Genesis, 1 milione e 600 mila euro. Per la fornitura della corrente elettrica, che consentirà al Municipio di far funzionare illuminazione e gli apparecchi elettronici presenti negli uffici  è invece prevista la spesa 1 milione e 200 mila euro. Per la manutenzione della pubblica illuminazione 600mila euro. Per il servizio di igiene urbana, raccolta differenziata trasporto e smaltimento gestito da Ischiambiente, come abbiamo già anticipato, sono previsti  10 milioni di euro, mentre per il servizio di manutenzione del verde pubblico, cimitero e immobili e strade, sempre gestito da Ischia Ambiente, 2 milioni e mezzo di euro. Per le forniture informatiche, infine, si prevede una spesa di 85 mila euro.

ANTONELLO DE ROSA

 

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close