Statistiche
CULTURA & SOCIETA'

ISCHIA Puc, eppur si muove: conferito nuovo incarico

È a buon punto l’iter per l’adozione definitiva del Piano urbanistico comunale a Ischia. L’ente di via Iasolino ha affidato l’incarico di redazione della “valutazione ambientale strategica” (Vas) del Comune di Ischia all’architetto Roberto d’Ambrosio, per l’importo complessivo pari ad € 5.000,00 oltre Cnpaia e Iva come per legge. L’offerta del professionista è stata ritenuta conveniente per l’ente, che l’ha approvata. Il 2021 sarà con ogni probabilità l’anno in cui il Comune si doterà dell’importante strumento urbanistico: l’iter era scattato con la Deliberazione di Consiglio Comunale n. 108 del 23.12.2019 con cui furono dettati gli indirizzi per la pianificazione e la redazione del piano urbanistico comunale.

dav

La Valutazione ambientale strategica, ai sensi del D.Lgs 152/06 preceduta dal Rapporto Preliminare è necessaria per monitorare gli effetti sull’ambiente derivanti dall’attuazione del piano. Tale valutazione ha come scopo quello di assicurare che “l’attività antropica sia compatibile con le condizioni per uno sviluppo sostenibile, e quindi nel rispetto della capacità rigenerativa degli ecosistemi e delle risorse, della salvaguardia della biodiversità e di un’equa distribuzione dei vantaggi connessi all’attività economica. Per mezzo della Vas si affronta la determinazione della valutazione preventiva integrata degli impatti ambientali nello svolgimento delle attività normative e amministrative, di informazione ambientale, di pianificazione e programmazione”. In sostanza, si valutano le scelte di programmazione e pianificazione tenendo conto dell’impatto sul territorio e sull’ambiente, in una prospettiva sostenibile e durevole di sviluppo. Dovrà inoltre essere valutata l’incidenza del Puc anche sui Siti di Interesse Comunitario, e alla Vas andrà allegato il Rapporto Preliminare Ambientale, consistente in un elaborato tecnico istruttorio propedeutico all’avvio della procedura di Vas prevista dalla stessa legge regionale. Entro pochi mesi il Piano potrebbe quindi essere portato in consiglio comunale, per l’approvazione di uno strumento da cui deriverà non soltanto l’aspetto futuro del paese, ma anche e soprattutto la sua vivibilità e le prospettive di sviluppo.

Articoli Correlati

Rispondi

Back to top button