CRONACA

Ischia, tutti insieme per dire “no” alla violenza sulle donne

Ieri mattina una suggestiva e toccante manifestazione nel Borgo di Celsa, anche un minuto di silenzio per onorare le tante vittime. Rinviata la posa della panchina nella pineta Nenzi Bozzi

Una giornata che andava celebrata come si conviene anche per sensibilizzare sempre più l’opinione pubblica verso un fenomeno che negli ultimi anni ha assunto contorni e soprattutto manifestato numeri impressionante. Si è svolta mattina nella sempre suggestiva cornice del borgo di Ischia Ponte una manifestazione per dire no alla violenza in occasione del 25 novembre, Giornata Internazionale contro la violenza sulle donne. In prima fila, a sfilare in corteo con tanto di striscione, gli studenti del Liceo Buchner, che hanno poi raggiunto il Piazzale Aragonese, location del momento clou dell’evento. Al centro della piazza era stata posizionata una sedia rossa con delle scarpette dello stesso colore, un simbolo ormai iconico che vuole rappresentare il simbolo dell’adesione alla campagna di sensibilizzazione presentata della consulta della Regione Campania sul “posto vuoto”. Un posto per ogni donna che avrebbe voluto denunciare le violenze subite ma che purtroppo per il fatto di essere stata uccisa quel posto lo lascerà per sempre vuoto, un modo per riflettere e lavorare perché certi episodi di violenza non abbiano più a verificarsi con il contributo di tutti, non soltanto delle vittime.

La manifestazione organizzata dal comune di ischia che ha visto particolarmente impegnata la consigliera Carmen Criscuolo – da sempre in prima linea su questa tematica – ha visto la partecipazione di tutti i comuni dell’isola i cui rappresentanti sono intervenuti sul tema, dagli studenti della scuola media Scotti e delle scuole superiori presenti sul territorio, dalle rappresentanti del centro antiviolenza dell’isola d’ischia e Procida e della coordinatrice dell’ambito che ha illustrato come potersi rivolgere al centro per essere seguiti. Durante la manifestazione, la piccola Claudia ha poggiato una rosa rossa sulla sedia vuota ed è stato osservato un minuto di silenzio in memoria e ricordo di tutte le vittime. Tante, ancora troppe, nella speranza che si riesca finalmente a porre un freno. Nel frattempo, la posa della panchina rossa realizzata dagli studenti del Liceo Artistico presso la pineta Nenzi Bozzi, che avrebbe dovuto svolgersi oggi, è stata rinviata a causa delle annunciate avverse condizioni meteo.

FOTO FRANCO TRANI

Articoli Correlati

0 0 voti
Article Rating
Sottoscrivi
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
Visualizza tutti i commenti
Back to top button
0
Mi piacerebbe avere i vostri pensieri, per favore commentatex