CULTURA & SOCIETA'

Jazz, classica, cabaret e suoni dal Sud per ‘Settembre a Lacco Ameno’

Un programma di incontri e influenze in cui sarà la musica dal vivo a farla da padrone nelle location più suggestive della cittadina. Stasera i ritmi indiavolati della tammorra con l’esibizione di Carlo Faiello

I suoni del Mediterraneo si incontrano con la musica popolare, il canzoniere napoletano e l’improvvisazione del jazz. Quelli di ieri e quelli di oggi. Con il concerto del duo Raffaele Vitiello e Marzouk Mejri (cantante di origine tunisina che da molti anni vive a Napoli, collaborando con artisti quali Daniele Sepe, James Senese, Eduardo De Crescenzo, 99 Posse e Peppe Barra), è partito ufficialmente il cartellone di ‘Settembre a Lacco Ameno’, manifestazione che costruisce, tra il corso principale del Comune del Fungo e Piazza Santa Restituta, un percorso di appuntamenti con la tradizione enogastronomica locale, il cabaret, il repertorio classico, le dolci melodie e i ritmi indiavolati della world music. Un programma estremamente libero tra incontri e influenze, in cui a farla da padrone sarà la musica. In compagnia di artisti che hanno attraversato, nelle espressioni e nelle esperienze, il confine imposto dal mare e dalle proprie tradizioni. Senza rinnegarle, però; anzi, dando vita a commistioni fatte di voci, lingue, ritmi e sonorità di ogni provenienza.

Dopo gli strumenti a percussione del Nord Africa tipici della tradizione tunisina, stasera si balla con la Notte della Tammorra di Carlo Faiello. Un grande happening popolare nel segno delle tradizioni del Cilento per una performance fatta di musica, di danza, di canto, intessuta sul canovaccio della tradizione, ma senza paura di affrontare l’innovazione. Suoni dal Sud, in un cuore battente che legherà tutto il Meridione: dalle zampogne del Cilento alla tarantella monte maranese, dalle tammurriate dell’agro-nocerino sarnese a quelle vesuviane. Nella piazzetta Pontile, proprio di fronte al simbolo di Lacco Ameno, una girandola di danze vivificatrici orchestrate dal compositore e musicista napoletano autore di alcune tra pagine più emozionanti della nuova musica partenopea.

Da ‘Made in Sud’, storica fucina televisiva di nuovi talenti della risata, arriva Peppe Iodice, popolarissimo protagonista della comicità che, nei suoi spettacoli, porta il pubblico letteralmente in scena in momenti di cabaret dalla battuta fulminea e dai monologhi irresistibili. Iodice si esibirà domani, sempre in Piazzetta Pontile. In contemporanea, sotto il colonnato delle Terme della Regina Isabella, ‘Parlami d’amore’, concerto del baritono Gaetano Maschio, del soprano Filomena Piro, accompagnati al piano dal maestro Silvano Trani. Lo spettacolo è organizzato dall’associazione Fantasy Napoli nell’ambito della IX sessione estiva del festival della Vita, con il patrocinio del Comune di Lacco ameno, del centro culturale ‘San Paolo Onlus’, dell’Area Marina Protetta Regno di Nettuno e dell’ Albergo della Regina Isabella.

Sabato 21 settembre, per gli appassionati di musica classica, una location di grande suggestione (il sagrato del Santuario di Santa Restituta) e il talento, ormai di fama internazionale, del pianista isolano Antonio Acunto. Musiche di Chopin (Op.58), Brahms (Op.118) e Prokofiev (Op. 14).

Si volta pagina, per passare a sonorità più contaminate e contemporanee, con Marcello Coleman Quartet. Classe ’64, nato a Napoli da padre americano e madre partenopea, Coleman inizia sin dall’adolescenza ad avvicinarsi al mondo della musica, passando dal garage allo ska, fino alle prime collaborazioni con la storica band partenopea dei Bisca. Il principio della sua biografia ufficiale si può datare però nel 1985, quando a soli ventuno anni viene notato e da Tullio De Piscopo che, all’apice della sua carriera, lo volle prima nel disco Passaggio da Oriente e poi per ben 10 anni in tour insieme a lui su centinaia di prestigiosi palcoscenici nazionali ed internazionali. Oltre alla carriera solista, Coleman è stato la voce degli Almamegretta,  storica formazione trip-hop campana, dal 2009 al 2013. La cifra musicale di Coleman è senza dubbio il reggae, ma il concerto settembrino a Lacco Ameno non mancherà di offrire al pubblico la grande varietà di influenze della sua musica: dub, jazz, dance e la tradizione del pop/soul americano (Coleman è sempre stato un grande fan di Stevie Wonder).
Altro appuntamento imperdibile (domenica 22 settembre) sarà il concerto di Emilia Zamuner in Trio, con la partecipazione del M° Bruno Tescione alla chitarra e del M° Zack Alderman alla fisarmonica. Considerata da molti il talento più esplosivo fra le giovani voci femminili del jazz italiano (ha persino aperto il concerti di Diana Krall all’Area Flegrea di Napoli), la Zamuner proporrà brani della tradizione napoletana contaminata da sonorità di diversi stili musicali.

Annuncio

Napoletana, 26 anni, la cantante è stata selezionata tra le cinque finaliste del prestigioso “Ella Fitzgerald Competition” di Washington – unica artista italiana – vincendo con grande successo di pubblico e di critica il secondo premio. Protagonista di innumerevoli progetti musicali a livello nazionale, si esibisce da tempo in tutt’Italia e all’estero collaborando con musicisti del calibro Furio di Castri, Emanuele Cisi, Elisabetta Serio, Massimo Manzi, Piero Frassi, Pietro Condorelli, Massimo Moriconi.
Nei giorni della kermesse, spazio per ‘Lacco Ameno in festa” (percorsi enogastronomici con intrattenimenti musicali e spettacoli di animazione per grandi e piccini tra le vie del centro), “Dr. Why” (giochi a quiz interattivi della Ellegi Spettacoli), e il 20 settembre il concerto della Banda Aurora di Panza (che sfilerà da Piazza capitello interpretando i più celebri arrangiamenti dedicati ai gruppi bandistici, per poi proporre al pubblico un concerto finale in piazza Santa Restituta).

Settembre a Lacco Ameno’ terminerà il giorno 26 con l’esibizione dei Suonno d’ajere, trio formato da Irene Scarpato (voce), Marcello Smigliante Gentile (mandolino, mandola e mandoloncello), Gian Marco Libeccio (alla chitarra classica), che già da qualche anno hanno intrapreso un cammino artistico per conoscere e approfondire ciò che la città di Napoli ha prodotto nella sua storia musicale vocale.

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close