Statistiche
ARCHIVIOARCHIVIO 4ARCHIVIO 5

Kate Moss infiamma Ischia con lo spot per Yves Saint Laurent

Gianluca Castagna | Pomeriggio di fuoco all’eliporto di Casamicciola, dove intorno alle ore 16 è arrivata la diva/divina della moda internazionale: l’unica top, insieme a Naomi Campbell, che ha sfidato (e vinto) il tempo, sopravvivendo al suo stesso mito.
E’ Kate Moss, da qualche giorno in vacanza nel golfo di Napoli (insieme al neo fidanzato, il barone Nikolai Von Bismarck, 15 anni più giovane), dove ne ha approfittato per quale parentesi di lavoro. L’eliporto dell’isola è stato infatti la location di uno shooting pubblicitario per il nuovo profumo di Yves Saint Laurent, di cui la Moss è testimonial.
Pantaloni neri e giacca di pelliccia bianca, la top model britannica, ancora oggi una delle icone di stile più pagate dalle maison di tutto il mondo, ha posato per foto e video sfoggiando tutto il magnetismo maudit che l’ha resa celebre (e diversa da tutte le altre) in ogni angolo del globo.
Lei che è stata l’incarnazione e la rappresentazione dello Zeitgeist anni ’90, incredibile ninfa della bellezza che, dall’esordio a soli 14 anni, non ha più smesso di essere protagonista indiscussa del fashion system.

Subito una gran folla si è radunata presso l’eliporto per ammirare la famosissima modella. Iniziale sconcerto per un capo d’abbigliamento così pesante (a queste temperature!), subito svanito di fronte all’azione dello spot. La scena prevedeva infatti il decollo dell’elicottero con la bionda top model che, allontanatasi dal suolo, apriva la giacca per un strepitoso topless ad alta quota. Prevedibile il giubilo del pubblico maschile che a terra ha applaudito più volte la performance. Meno contento il baby fidanzato che cercava, senza successo, di impedire ai paparazzi o ai curiosi di fotografare la divina creatura.

Ischia, i suoi panorami, la sua bellezza mediterranea, i colori caldi del primo pomeriggio e gli scenari che, malgrado tutto, ancora richiamano i fasti raffinati del passato, stavolta sono stati utilizzati da una griffe, quella di Yves Saint Laurent, che sintetizza da sempre eleganza e trasgressione, modernità e innovazione. Una campagna pubblicitaria, quella legata alla nuova fragranza della maison, che lancerà le immagini dell’isola Verde in tutto il mondo, rinnovando una fama di destinazione glamour per troppo tempo rimasta appannata.
Kate Moss, del resto, è una testimonial perfetta per Ischia: proletaria (di nascita, Croydon, sobborghi est di Londra) ma dotata di una eleganza naturale che l’ha imposta tra i volti più carismatici e (in)seguiti del jet set internazionale. Volto davvero trasversale che intercetta un pubblico enorme senza distinzione d’età o classe sociale.
Elegantissima o trasandata, distinta o bohemienne (come ai tempi dei suoi legami borderline con l’attore Johnny Depp e soprattutto con il musicista Pete Doherty), stracciona o super-sofisticata, la Moss detta legge e non passa mai inosservata, bersaglio tra i più ricercati dai paparazzi e dai magazine di ogni parte del mondo.
La top model soggiorna in queste ore a Capri, all’Hotel Punta Tragara (dove ha girato parte dello spot con lo sfondo dei Faraglioni); ieri invece giornata tutta ischitana per uno shooting più panoramico che ha impegnato decine di operatori tra assistenti, truccatori e addetti alla maison, tutti attentissimi a ogni dettaglio malgrado la baraonda e il traffico impazzito scatenatosi nei pressi dell’elisuperficie di Casamicciola, una volta sparsa la voce sulla presenza della Moss.
La scena del decollo è stata ripetuta tre volte, poi, soddisfatti delle riprese, regista e protagonista si sono infilati per in un van nero e hanno lasciato il set.
Molta curiosità tra i bagnanti della spiaggia attigua all’eliporto che per un’oretta si sono visti catapultare sul set di uno spot che verrà visto a ogni latitudine.

Insomma, dopo le vacanze di Barbra Streisand e Will Smith, le visite del gotha hollywoodiano durante le giornate di Ischia Global Fest, la scelta di Gabriele Muccino di ambientare proprio sull’isola Verde il suo prossimo film “L’isola che non c’è” , anche il mondo della moda e delle sue eccellenze si accorge di quanto la nostra bellezza possa diventare racconto e seduzione per un pubblico sempre più raffinato e internazionale.
E’ questo il brand che Ischia afferma da anni di voler imporre.
Ma al di là delle molteplici parentesi di grande prestigio che le ridanno periodicamente lustro, o delle periodiche dichiarazioni d’intenti (che lasciano il tempo che trovano), cosa si intende davvero fare per un rilancio turistico di qualità?
A pochi metri dal patinatissimo set (lo ricordiamo per i più distratti), la voragine scandalosa del distributore Erg mai realizzato e sotto sequestro da anni. Per non dimenticare.
(photo: Franco Trani)

 

Ads

Ads

Articoli Correlati

Rispondi

Back to top button