ARCHIVIO 3ARCHIVIO 5

La battaglia per il “no” alle barriere architettoniche in tappa a Sant’Angelo

di Sara Mattera

Serrara Fontana. Prosegue la missione della Uildm Arzano-Ischia e Procida, Lions International e Rotary Club per l’abbattimento delle barriere architettoniche sul nostro territorio isolano.  Dopo la conferenza sui Peba – Piani per l’abbattimento delle barriere architettoniche – svoltasi lo scorso Aprile e dopo la “Pedalata Comoda” che, nel Maggio scorso, ha visto grande partecipazione da parte della comunità isolana, le tre associazioni hanno fatto tappa, nelle scorse ore, anche nel Comune di Serrara Fontana per una nuova iniziativa.  Si è svolto, infatti, sabato 10 settembre, a Sant’Angelo, “Spiaggia e sedia d’a…mare”, evento di sensibilizzazione per l’abbattimento delle barriere architettoniche sugli arenili del nostro territorio isolano.  Durante l’evento, le tre associazioni hanno pubblicizzato due sedie job della Naatch al fine di spingere i proprietari degli stabilimenti balneari di Ischia  al loro acquisto.  Per chi non lo sapesse, infatti, la sedia job è una particolare sedia munita di ruote gonfiabili che consente ai diversamente abili di poter entrare e muoversi in acqua più facilmente e godere, così a pieno, del mare come qualsiasi altra persona con piena mobilità motoria. Pochi, però, sono allo stato attuale gli stabilimenti dotati del suddetto servizio, la cui mancanza rappresenta un enorme deficit per un’isola come la nostra improntata sul turismo e dove la possibilità di poter andare in spiaggia e farsi un bagno dovrebbe essere alla portata di tutti.  Ecco, perché, il punto cardine di questa nuova iniziativa è stato quella di incentivare l’apertura da parte del territorio isolano al turismo accessibile, sensibilizzando le strutture alberghiere e gli stabilimenti balneari ad attrezzarsi di strutture ad hoc per i disabili non solo isolani, ma anche turisti.  Sulla spiaggia di Sant’Angelo, quindi, sabato pomeriggio, le associazioni hanno proceduto a dare una dimostrazione pratica del funzionamento delle sedie job in acqua.

All’ evento erano presenti, oltre i rappresentanti di Uildm di Ischia e Procida, Lions International e Rotary Club, anche l’amministrazione del Comune di Serrara Fontana, rappresentata dal Consigliere Comunale Emilio Giuseppe Di Meglio. «Viviamo in un posto incantevole – ha esordito il Consigliere Comunale – che, però, purtroppo, ha ancora moltissime barriere architettoniche. È ovvio che come amministratori dobbiamo ancora lavorare tanto su questo fronte.  Oggi, con questo evento, l’impegno che prendiamo è quello di migliorare l’accessibilità per i diversamente abiliti non solo via terra, ma anche sul mare». A partecipare all’iniziativa di sensibilizzazione anche il Consigliere della Regione Campania, Maria Grazia di Scala e l’avvocato Giuseppe Di Meglio che hanno donato, per l’occasione, all’Uildm di Ischia e Procida, due sedie job da poter mettere a disposizione degli stabilimenti balneari isolani che ne faranno richiesta. « Sono contenta – ha dichiarato la Di Scala – della massiccia presenza di associazioni che hanno contribuito ad organizzare questa iniziativa. Auspico che tutte le amministrazioni comunali di Ischia diano un segnale di apertura nei confronti dei disabili e delle loro famiglie».

Sulla scia di questa parole, la Di Scala ha  quindi lanciato una proposta significativa:  istituire un premio in ricordo della piccola Chiaria Iorio,  quattroridicenne affetta da gravi problemi di disabilità motoria e deceduta nel dicembre dello scorso anno.  Una proposta questa, che è stata accolta di buon grado da tutti i presenti.  A contribuire alla riuscita dell’evento anche la capitaneria di Porto di Ischia e la Ischia Cruises che hanno messo a disposizione i proprio mezzi di navigazione per accompagnare, gratuitamente gli ospiti a Sant’Angelo. L’auspicio, insomma, è che anche la tappa santangiolese sia da sollecitazione alla comunità isolana per il definitivo abbattimento delle barriere archiettoniche che contribuiscono a rendere, spesso e volentieri, ancora più difficoltosa la vita di chi ha problemi motori.

Ads

Articoli Correlati

Rispondi

Back to top button