CULTURA & SOCIETA'

La Befana arride anche agli amici a 4 zampe

Folta partecipazione all’iniziativa popolare promossa dall’associazione ambientalista “PAS Pronatura”

Complice il beltempo e il teporino più simile alla primavera che alle consuete temperature del mese di gennaio, “La Befana dei Randagi” – l’ennesima iniziativa zoofila, promossa ad Ischia dalla “P.A.S. Pronatura – Pan Assoverdi Salvanatura/ONLUS” – ha fatto registrare una significativa adesione della popolazione. L’evento – sostenuto dal Comune d’Ischia ed in particolare dal consigliere Pasquale Balestrieri – si è svolto, nel giorno dell’Epifania, in piazza degli Eroi, dalle ore 9,30 alle 16,30 circa, nel rigoroso rispetto delle restrizioni anti-covid. Sotto il simbolo della “stella marina” – logo dell’organizzazione non governativa, senza fini di lucro, a base democratica interna, riconosciuta ai sensi del D.L.vo 117/17 – per circa sette ore, gli ecologisti (i quali gestiscono, inoltre, le principali colonie feline, allo stato brado, esistenti sull’isola) hanno allestito, nei pressi del Bar “Calise”, un coloratissimo gazebo e raccolto offerte in denaro, ma pure scatolette, biscotti, buste di croccantini, piccoli balocchi, destinati ai più sfortunati “amici errabondi a quattro zampe” (nati per strada, semi-selvatici, smarriti, abbandonati). I più attenti a tali tematiche – rese più attuali dalla crescente crisi economica, causata dal coronavirus – sono ovviamente le persone che posseggono un animale. Ischia rientra perfettamente nella media nazionale: secondo il CENSIS, i “pets” allietano il 35% delle famiglie italiane. Consapevoli di questi dati – al crepuscolo delle festività natalizie – i dirigenti della “P.A.S.” non nutrivano dubbi sull’adesione morale all’iniziativa (come in effetti è avvenuto) soprattutto degli amanti di cani, gatti, criceti, ecc.

Parecchi residenti dei Comuni di Casamicciola, Lacco Ameno, Forio, hanno approfittato del “raduno”, per un ringraziamento postumo alla “P.A.S. Pronatura” in relazione alla grande mobilitazione conseguente al terremoto del 21 agosto 2017, quando i volontari – col contributo della ditta “Almo Nature” – soccorsero e rifocillarono gli animali rimasti intrappolati nella cosiddetta “zona rossa”. Oltre a distribuire gli adesivi, i posters, i gadgets dell’associazione ed incentivare la devoluzione alla ONLUS del “5 per mille IRPEF”, i filantropi hanno accentuato l’opera di sensibilizzare popolare sul cosiddetto “animal welfare”, proseguendo la raccolta di firme, indirizzata alle Autorità Sanitarie, avviata il 31 dicembre scorso. Con la sottoscrizione, l’ente “no profit” – nato nel 1989 – auspica, sul territorio di competenza dell’ASL Napoli 2 Nord, maggiori controlli contro le violenze sugli animali d’affezione, nonché per prevenire le zoonosi (temi al centro della “conferenza di servizi”, presso il Comune d’Ischia, del 12 maggio 2021); la creazione, sull’isola, di un rifugio provvisorio di “prima accoglienza”, idoneo ad assistere i “quattro zampe” smarriti, ripudiati, feriti, malati, mutilati, disabili, contagiosi, “non adottabili”, prima della sistemazione definitiva; la concreta attuazione delle norme in materia di “mascotte di quartiere” (ora “cani liberi accuditi”); il potenziamento del servizio di sterilizzazione gratuita dei gatti randagi ed il monitoraggio aggiornato delle colonie feline, come impone la L.R. Campania 3/2019. Malgrado la pandemia in atto, negli ultimi mesi, la “P.A.S.” – in linea col principio delle “quote rosa” – è stata gratificata dell’adesione di oltre 200 nuovi soci, in gran parte donne o ragazzi tra i 18 e 35 anni.

“Siamo felicissimi – ha detto il vicepresidente del sodalizio, Giovan Giuseppe Esposito – dell’adesione, alle nostre iniziative, delle istituzioni, delle categorie produttive, dei giovani. La “P.A.S.” non cavalca i radicalismi e vanta una struttura totalmente orizzontale: per noi è importante chi lavora, non chi ricopre formalmente una carica. Stiamo ristrutturando il gruppo di guardie eco-zoofile-ittiche-venatorie”. Chiunque ne sia interessato – a prescindere dall’intervento alla manifestazione del 6 gennaio – potrà formulare proposte, idee o consigli per la futura attività associativa, anche attraverso i social network (Twitter, Facebook, Instagram) curati da Liliana Massaza, ovvero scrivendo all’email: assopas@yahoo.it, tel. 329.644.09.77. Fin d’ora, alcuni cittadini hanno proposto la nomina (che sarà esaminata nel prossimo Consiglio Direttivo della “P.A.S.”) a vicepresidente onorario, del più antico ente di volontariato isolano, dell’anziana Arnalda Iacono – già delegata della Sezione di Forio della “Lega Difesa del Cane” – figura storica nel panorama animalista locale.

Articoli Correlati

0 0 voti
Article Rating
Sottoscrivi
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
Visualizza tutti i commenti
Back to top button
0
Mi piacerebbe avere i vostri pensieri, per favore commentatex