ARCHIVIO 4ARCHIVIO 5

La caccia al tesoro “nascosto”, l’evento per ricordare Artemisia sabato 4 marzo

di Isabell Puca

Serrara Fontana – Torna anche quest’anno un evento che vedrà una caccia al tesoro davvero speciale. Come l’anno scorso, alcuni giovani ischitani, hanno voluto organizzare un gioco per creare sì un momento di divertimento, ma anche di riflessione. La caccia al tesoro rubato, che si svolgerà il prossimo sabato 4 marzo è stata infatti ideata a sostegno dell’associazione Artemisia una voce per l’anoressia; le iscrizioni a questa particolare caccia al tesoro si terranno fino al prossimo primo marzo e per chi si iscriverà ci sarà la possibilità anche di aderire all’associazione contro i disturbi alimentari.  «Ringrazio ovviamente Paolo Massa e la sua associazione per avere nuovamente riposto fiducia in me e il mio progetto. Come lo scorso anno, questo della caccia al tesoro, vuole essere un momento di divertimento e allo stesso tempo di riflessione perché portiamo a conoscenza, attraverso il gioco, di una realtà, quella dei disturbi alimentari, che molte volte non ci appartiene o di cui ignoriamo l’esistenza. Conoscere permette di immedesimarci in una situazione diversa dalla nostra e allo stesso tempo ci rende maggiormente consapevoli di ciò». È così che ha parlato il giovane Italo Di Scala che, per quest’anno ha cambiato le regole del gioco dandone una connotazione investigativa.  «L’’idea – ci racconta – ci è venuta in seguito alla conclusione della caccia al tesoro dello scorso anno del 20 febbraio 2016 dove, purtroppo, l’elemento fondamentale, ossia il tesoro, non è stato reperito perché, molto probabilmente, rubato da qualcuno. Le varie squadre, giunte nel posto indicato, cioè piazza Quattro novembre di Serrara Fontana, hanno invano cercato qualcosa che di fatto non c’era più. Questo finale alquanto incompleto ci ha dato l’idea di proporre nuovamente l’evento in una accezione investigativa». La partenza sarà sempre nella centralissima piazza Quattro novembre di Serrara Fontana, da li le squadre partiranno e svolgeranno ognuna i vari percorsi, «abbiamo stabilito dei premi: per il primo posto l’ingresso per tutti i componenti della squadra vincitrice presso il parco termale “La Romantica” di Sant’Angelo e in più 10 litri di carburante presso la stazione di rifornimento Ambrosino,  per il secondo posto abbiamo, invece, predisposto una cena premio presso il ristorante “Zio Peppe”, e 15 litri di carburante sempre presso Ambrosino, mentre per la squadra che si classificherà terza 25litri di carburante». L’appuntamento è quindi per il prossimo sabato 4 marzo, alle 14.30 presso la piazza  ”del reato “, ma per partecipare occorre iscriversi entro il prossimo mercoledì 1 marzo. Le squadre possono essere composte da un minimo di 10 a un massimo di 15 persone di età non inferiore ai 15 anni. Per ottenere il regolamento e il modulo di iscrizione o qualsiasi altra informazione è possibile rivolgersi al numero 3277072291. «Credo sia fondamentale – ha aggiunto ancora Italo – la possibilità che viene data a chiunque si iscriva al nostro evento, qualora volesse  (ovviamente solo maggiorenni), di potersi iscrivere contemporaneamente anche alla associazione “Artemisia una voce per l’Anoressia” senza dover versare alcuna quota associativa in quanto questa è inclusa nella quota da versare per l’iscrizione all’evento. Oltre ai moduli per la caccia riceverete anche quelli per l’iscrizione in associazione compilando il modulo con i propri dati. Coloro che invece hanno in passato aderito tramite questo evento o in altri contesti alla associazione possono comunicare a voce la volontà di rinnovare la loro iscrizione senza dover compilare Il modulo e in seguito riceveranno la ricevuta di iscrizione». L’attesa è dunque adesso tutta per il prossimo sabato 4 marzo quando i giovani e meno giovani dell’isola si divertiranno, insieme, per ricordare Artemisia.  «Può sembrare un piccolo gesto – ha concluso Italo – ma di grande importanza per chi sta vivendo direttamente o indirettamente il dramma della anoressia. L’ evento e l’associazione stessa vogliono essere portavoce di queste persone. Vi aspettiamo numerosi per poter passare insieme un sabato pomeriggio in allegria».

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close