Statistiche
CRONACA

La Campania resta in zona rossa, ma riaprono le scuole

Doccia gelata per ristoratori e parrucchieri: niente zona arancione almeno fino a metà aprile

Niente da fare, la Campania resta in zona rossa almeno fino a metà aprile. Il monitoraggio della cabina di regia Iss col ministero della Salute colloca la regione nuovamente – siamo alla quinta settimana – in zona rossa, cioè nell’area di massima restrizione (chiusi ristoranti e bar tranne che per domicilio e asporto, chiusi barbieri, parrucchieri, estetisti). Il motivo è l’RT ancora alto, ad 1,33 ed in aumento rispetto alla settimana precedente. Dalla riunione della Cabina di Regia sul monitoraggio settimanale emerge un Rt nazionale in calo (0,98) ed una tendenza alla diminuzione nel numero di nuovi casi non associati a catene di trasmissione. La percentuale dei casi rilevati attraverso l’attività di tracciamento dei contatti è in lieve aumento (34,4% vs 33,8% la scorsa settimana). Il tasso di occupazione in terapia intensiva a livello nazionale è complessivamente in aumento e sopra la soglia critica (41% contro il 39% della scorsa settimana). L’incidenza, comunque, sottolinea l’Istituto superiore di sanità in merito ai dati del monitoraggio settimanale della Cabina di regia, «resta elevata e ancora lontana da livelli (50 per 100.000) che permetterebbero il completo ripristino sull’intero territorio nazionale dell’identificazione dei casi e tracciamento dei loro contatti». La Campania ha una occupazione delle strutture sanitarie per malati Covid-19 che – stando ai dati di Agenas – non supera i livelli minimi di allarme: 26 terapie intensive e 36% posti di degenza ordinaria. Ma a livello nazionale l tasso di occupazione in terapia intensiva è complessivamente in aumento e sopra la soglia critica del 30%: è pari al 41% contro 39% della scorsa settimana.

In Campania già mercoledì scorso dati del monitoraggio Covid19 della Fondazione Gimbe ci collocavano primi in Italia per i contagiati su 100mila abitanti e secondi a livello nazionale per numero totale di positivi attivi al momento con 94.205 casi. Grande è la delusione per i commercianti che, contando su una tendenza – seppur lenta –  in discesa di contagi, speravano nell’ipotizzato passaggio in zona arancione. Per le scuole in Campania invece dovranno comunque riaprire infanzia, elementari e la prima media: il nuovo decreto Draghi prevede infatti che questi istituti aprano in presenza a prescindere dalla zona di rischio Covid, quindi anche in rossa.

Articoli Correlati

0 0 voti
Article Rating
Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Visualizza tutti i commenti
Back to top button
0
Mi piacerebbe avere i vostri pensieri, per favore commentatex
()
x