CRONACA

LA DENUNCIA Ischia Ponte, qui il tempo si è fermato: nessuna messa in sicurezza

Nel dicembre del 2019 una forte mareggiata distrusse parte del litorale di Ischia Ponte, a partire dai muretti presenti in zona stradone. La violenza del mare li spacco, li sollevò e li trascino sul piazzale dove generalmente parcheggiano le macchine. I residenti, davanti alle nostre telecamere, espressero l’augurio che l’amministrazione comunale intervenisse immediatamente a ripristinare lo stato dei luoghi. Macché. Da allora sono trascorsi quasi si mesi, siamo ormai a metà giugno e la situazione, purtroppo, non è affatto cambiata. Qui, a due passi dal castello Aragonese, lungo una delle passeggiate più belle e caratteristiche dell’isola Verde, il tempo sembra essersi fermato e i grossi blocchi di cemento costituenti i muri, fanno ancora brutta mostra di se per terra, mentre il parapetto resta sguarnito di protezione: da non credere! Ma non è tutto.

A pochi metri di distanza, e precisamente sul piazzale delle Alghe, è presente una situazione di degrado, distruzione ed abbandono sociale ancora più squallida. La stessa mareggiata che a dicembre ha portato distruzione dietro allo Stradone, qui ha praticamente divelto centinaia di sanpietrini che tutt’ora sono disseminati ovunque: da non credere! Ma com’è possibile che in una stagione turistica già resa anomala dal coronavirus, i turisti che sceglieranno l’isola d’Ischia come meta delle loro vacanze, dovranno fare pure i conti con degrado, distruzione e pericoli presenti nei luoghi più belli e visitati? Ma stiamo scherzando? Sindaco Enzo Ferrandino, ma possibile che non proviate quantomeno un minimo di imbarazzo rispetto alla vostra totale inadeguatezza  politica nel governare il nostro territorio?

Articoli Correlati

Rispondi

Back to top button