ARCHIVIO 3ARCHIVIO 5

La Madonna di Zaro “spaventa” gli isolani: «La terra tremerà ancora»

FORIO. Ormai lo sanno tutti, non solo i fedeli. Si mostra alle veggenti Angela e Simona il 26 e l’8 di ogni mese, lanciando messaggi alle volte chiari, alle volte criptici, alle volte parzialmente interpretabili. Parliamo della Madonna di Zaro che però lo scorso 8 gennaio ha preoccupato non poco. Il messaggio recita inizialmente: “Cari figli… questa sera chiedo preghiera per la pace nel mondo, sempre più minacciata. Chiedo preghiera per le famiglie, sempre più bersagliate dalle forze del male. Figlioli, la famiglia è come un altare d’amore e se questo amore è saldo nulla lo potrà scalfire. I genitori hanno il grande compito di insegnare ai propri figli l’amore e la preghiera. Ogni famiglia deve avere il suo piccolo cenacolo di preghiera, perché  molte saranno le prove che dovrete affrontare ma non tutti siete pronti. Cercate forza nell’Eucarestia, rivolgetevi a Gesù quando vi sentite soli e smarriti, rifugiatevi nelle sue sante piaghe, nascondetevi nel suo cuore trafitto. Gesù è la vostra salvezza, non ve ne sono altre!”.
Poi però ha proseguito in maniera poco beneaugurante: “Figli miei, la terra tremerà ancora, le forze della natura diventeranno sempre più incontrollate. Molte malattie che la scienza credeva di aver sconfitto ritorneranno. Tutto questo non lo attribuite a Dio, lui vi ama e vuole la vostra salvezza, questa è opera dell’uomo che si è allontanato da Dio e vuole prendere il suo posto. Vi prego figli, ascoltatemi, io vi amo tutti e desidero salvarvi tutti. Se sono qui in mezzo a voi è per l’infinito amore che il Padre ha per ciascuno di voi. Non voltatemi le spalle, vi prego non traditemi; io desidero che tutti voi partecipiate al trionfo del mio Cuore Immacolato, ma se non vi convertite, questo non sarà possibile. Convertitevi figli, convertitevi”. Nell’attesa, inutile dire che quella terra che potrebbe tremare ancora non fa dormire sonni tranquilli…

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close