Statistiche
CRONACA

LA NOTA Mattarella, Draghi, De Luca, i sindaci: tutte le richieste degli studenti

I rappresentanti del consiglio d’istituto Stefano Di Meglio, Abramo de Siano, Stefano Trani e Marco Trofa, unitamente ai rappresentanti degli studenti nella consulta provinciale Alessandro Impagliazzo e Fabio Silvestri, hanno indirizzato anche un’articolata nota al presidente della Repubblica, al Presidente del Consiglio ed una serie di autorità e istituzioni interessate. Nello specifico ecco cosa chiedono i firmatari della stessa:

All’ill.mo Signor Presidente della Repubblica, On. Dott. Sergio Mattarella, di voler valutare la possibilità di pronunciarsi nel merito degli approfondimenti necessari a determinare la questione della precaria sicurezza delle strade presenti sul territorio dello Stato, che registra una media di:

6,5 morti al giornonel 2020;

8,7 morti al giorno nel 2019;

9,1 morti al giorno nel 2018(fonte dati: ISTAT).

Ads

Chiedono, altresì, uno specifico riferimenti al riguardo del territorio dell’Isola d’Ischia, provincia di Napoli, articolato -com’è noto- in sei Comuni: Ischia, Barano d’Ischia, Lacco Ameno, Casamicciola Terme, Forio e Serrara Fontana, atto a consentire, attraverso le competenze da Ufficiale Territoriale di Governo del sig. Prefetto di Napoli,ogni sollecito intervento da parte dei rispettivi amministratori comunali e dagli enti gestori/proprietari delle strade mirato ad aumentare la sicurezza della circolazione veicolare e la qualità dei controlli e dei relativi dispositivi.

Ads

All’Ill.mo Signor Presidente del Consiglio dei Ministri,Prof. Mario Draghi,di dedicare particolare attenzione ed impegno alla risoluzione nel non più trascurabile problema degli innumerevoli incidenti stradali. Il Paese di cui Lei è Premier, signor Presidente, vive un periodo all’insegna della tanto agognata ripartenza, che riempie i giovani italiani di speranze e ambizioni per il futuro. Com’è possibile parlare di “ripartenza e resilienza”, quando ci sono strade mortifere e guidatori incoscienti, ignorate dalle Istituzioni senza promuovere soluzioni ragionevoli?

All’Ill.mo Signor Ministro dell’Interno,pref. Luciana Lamorgese, di sollecitare, in forza del ruolo istituzionale da Lei ricoperto, il Signor Prefetto di Napoli, presso l’Ufficio territoriale del Governo,

pref. Claudio Palomba, a contribuire al miglioramentodella sicurezza stradale nel territorio di Sua competenza e di accogliere le richieste indirizzateGlidi seguito in termini di deroghe territoriali;

All’Ill.mo Procuratore Generale della Repubblica presso il Tribunale di Napoli,Dott. Luigi Riello, in forza dell’art. 73 del R.D. 30 gennaio 1941, n. 12, sinteticamente riportato, che indica come attività dell’ufficio affidatoLe: la sorveglianza sull’osservanza delle leggi e sulla pronta e regolare amministrazione della giustizia oltre alla tutela dei diritti dello Stato, delle persone giuridiche e degli incapaci, riportando, dunque, l’art. 1 del Codice della strada (d.lgs 30 aprile 1992, n.285), già presentato sopra, e l’art. 3 della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani che recita: “ogni individuo ha diritto alla vita, alla libertà e alla sicurezza della propria persona”, esercitando in tal senso adeguati solleciti al Prefetto di Napoli e ai sei Sindaci dell’Isola d’Ischia, così da smuoverli nell’attuazione di iniziative mirateall’attuazione dei provvedimenti necessari ed esposti nella presente.

All’Ill.mo Signor Prefetto di Napoli,pref. Claudio Palomba,di concedere apposita deroga alle sei amministrazioni comunali dell’Isola d’Ischia e, con esse, all’ente gestore della SP270 (ex SS270), la quale da un recente studio nazionaleeffettuato dall’ACI sull’incidentalità della stessa risulta essere tra le strade più pericolose d’Italia, affinché si renda possibile l’installazione:

– di misuratori fissi e mobili di velocità su strada dei veicoli, comunemente chiamati autovelox, nei tratti di strade comunali dell’isola d’Ischia e della SP270 ritenuti particolarmente a rischio e, storicamente, teatro di incidenti gravissimi e talvolta mortali;

– di dissuasori di velocità digitali e in gomma, comunemente chiamati dossi rallentatori, fatte dovute eccezioni per le strade principali ove impediscano il rapido e sicuro movimento dei mezzi di soccorso;

– di spartitraffico nei tratti ove la larghezza delle carreggiata consente ai veicoli di emergenza di procedere evitando gli incolonnamenti che sovente si verificano;

– di guardrail lungo tutto il perimetro della SP270 (ex ss270) al fine di contenere i veicoli all’interno della strada e/o carreggiata.

Al Signor Presidente della Giunta Regionale della Campania,On. Vincenzo De Luca (che per quanto risulta agli scriventi assume ad interim la delega ai trasporti) e all’Assessore Regionale alla Pubblica Istruzione, On. Lucia Fortini, di rendersi ambasciatori del forte messaggio lanciato con la presente iniziativa dalla nostra Comunità scolastica, portavoce di un grido di ormai insopportabile dolore dell’intera comunità ischitana, affinché l’incoscienza di chi provoca tragedie come quella di Manuel venga arginata da azioni preventive deterrenti che non possono più attendere.

Ai sei Sindaci dei Comuni dell’Isola d’Ischia, di attivarsi nel concreto, rendendosi parte diligente e seri portavoci delle istanze manifestate dagli scriventi, in particolare verso l’ottenimento delle ben note deroghe da parte del Prefetto di Napoli al fine di migliorare le strade che attraversano i centri urbani con popolazione superiore ai 10.000 abitanti (tipo D e E).

Articoli Correlati

0 0 voti
Article Rating
Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Visualizza tutti i commenti
Back to top button
0
Mi piacerebbe avere i vostri pensieri, per favore commentatex
()
x