Statistiche
ARCHIVIO 4ARCHIVIO 5

La pizza napoletana protagonista in Francia con Giacomo Guido

di Isabella Puca

Ischia – Le belle notizie non arrivano mai da sole e dopo aver annunciato l’eccellenza della cucina ischitana con le quattro Stelle Michelin aggiudicate a ben tre ristoranti, e altrettanti chef, la buona notizia arriva questa volta da Londra. A darcela è Giacomo Guido, 26 anni, da quattro anni pizzaiolo a Londra, che dopo aver visto la sua pizza annoverata tra le migliori del mondo da Daniel Young, critico gastronomico newyorkese, autore del libro “Where to eat pizza”, rappresenterà, la prossima settimana, l’Italia in Francia, durante l’evento “Le strade della mozzarella“.  Si tratta di un congresso internazionale di cucina d’autore che mira ad indagare le potenzialità dei prodotti dell’agroalimentare italiano di qualità affidandoli alle mani dei grandi chef. Giacomo-Guido, Antimo-Caputo e Alessandro-Betti L’ organizzazione è  a cura di Formamentis e consiste in una due giorni, il prossimo 25 ed il 26 novembre, presso il ristorante italiano Ober Mamma al Boulevard Richard Lenoir, a poca distanza da Piazza della Bastiglia. Protagonisti di questa edizione saranno i fritti italiani, raccontati ed elaborati da chef che proprio dei fritti hanno fatto il loro cavallo di battaglia. Enzo Vizzari, direttore della Guida dei Ristoranti dell’Espresso, introdurrà Gaetano e Pasquale Torrente e Arcangelo Dandini. Mentre, nel pomeriggio del 26 novembre, a partire dalle ore 15.00, i riflettori saranno puntati sul prodotto della cucina italiana più famoso al mondo: la Pizza Napoletana. A parlarne saranno i maestri pizzaioli Vincenzo Esposito e Giacomo Guido che, insieme al giornalista de Il Mattino Luciano Pignataro, approfondiranno tecniche e ingredienti necessari alla realizzazione della pizza napoletana. «Io e l’ altro pizzaiolo di Napoli Vincenzo Esposito prepareremo ovviamente la margherita classica o con pomodori di Corbara come simbolo della nostra cultura». A raccontarcelo è proprio un emozionato Giacomo Guido la cui pizza continua a raccogliere enormi consensi. «Gli organizzatori di questo evento vennero a mangiare da me a Londra insieme ad Antimo Caputo. A mandarli qui fu Francesco Salvo della pizzeria “Francesco e Salvatore Salvo” di San Giorgio che rimase stupito della mia pizza assaggiandola qualche tempo fa».Una pizza per speciale per Gigi D'Alessio e famiglia È proprio vero, la pizza buona non si scorda mai, ma grande fu il complimento che Antimo Caputo, il più grande produttore di  farina al mondo, fece al nostro Giacomo “se dovessi fare una boccetta di profumo di pizza, userei il profumo della tua”. «Ancora non ci credo – ha commentato ancora Giacomo – visti i precedenti partecipanti all’ evento, quali Gino Sorbillo, Ciro Salvo , Franco Pepe e  i fratelli Salvo, sento che per me è davvero una grossa responsabilità e al tempo stesso, un grande onore». Giacomo è davvero giovane ed è riuscito in poco tempo a sfatare il mito che la pizza buona si trova solo a Napoli.  In realtà, con la conoscenza della materia prima, si può avere un prodotto eccellente ovunque. Da serramentista, il suo primo lavoro, chiese a un amico di famiglia che aveva una pizzeria a Lacco Ameno, se la sera, poteva dargli una mano e apprendere così le basi da pizzaiolo. Dopo un’estate intera al forno trovò aiuto come pizzaiolo a tempo pieno in una pizzeria di Forio e da lì cominciò a studiare per conoscere la chimica degli impasti che lo ha portato a creare un suo modello di pizza altamente digeribile. Dopo l’iscrizione all’ albo dei pizzaioli dell’ Associazione verace pizza napoletana la partenza per Londra, sicuro che quella città, lontana dalla sua isola, avrebbe potuto offrirgli una possibilità in più e, di fatti, è lì che ha potuto esprimere la sua idea di pizza, seminando bontà e raccogliendo quasi subito enormi soddisfazioni in attesa di realizzare il suo sogno più grande: aprire un suo locale a Londra, o perché no, qui sull’isola d’Ischia.

Articoli Correlati

0 0 voti
Article Rating
Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Visualizza tutti i commenti
Back to top button
0
Mi piacerebbe avere i vostri pensieri, per favore commentatex