CRONACAPRIMO PIANO

La polizia “sveglia” i vigili

Gli agenti del commissariato di Ischia si sostituiscono alla polizia locale di Barano elevando una serie di contravvenzioni al codice della strada ed effettuando un controllo anti abusivismo edilizio. Le polemiche su una serie di segnalazioni non raccolte dai pizzardoni e la discutibile nora redatta da Ottavio Di Meglio

Sostituirsi di fatto ai vigili urbani che con un’iniziativa che – al di là di quelle che potranno essere smentite e giustificazioni di circostanza – certo avrà creato non pochi imbarazzi tra i vertici della polizia locale di Barano e immaginiamo anche in seno all’amministrazione comunale del Comune collinare. Ieri mattina il personale a disposizione del vicequestore Ciro Re, di fatto, ha letteralmente “svegliato” i pizzardoni accompagnandoli ad effettuare un controllo legato a un abuso edilizio che a quanto sembra era già stato precedentemente segnalato. Non solo, i poliziotti hanno anche provveduto ad elevare una serie di multe ad altrettanti veicoli che erano parcheggiati in sosta vietata (in particolare lungo l’area della Molara) facendo notare ai “colleghi” ed al comandante Ottavio Di Meglio che su certe tematiche è forse il caso di essere un attimino più “attenti” e meno superficiali. A far scattare l’interesse dell’autorità di ps sul torpore baranese, tra l’altro, una nota che il comitato “La strada del buonsenso” aveva indirizzato al Comune di Barano, al comando di polizia locale, al commissariato ed a tutte le forze dell’ordine.

Nel documento in questione si leggeva quanto segue: “Ci rivolgiamo alle istituzioni presenti sull’isola secondo quanto previsto dal codice della strada all’articolo 12, nella speranza che non affiorino rimpalli di competenze purtroppo sperimentati quando abbiamo segnalato a voce e non per iscritto”. Poi si faceva riferimento ad alcune auto spesso parcheggiate sull’incrocio via Vittorio Emanuele-Via Pendio del Gelso e poi ancora “file di auto in sosta in curva e sporgenti nella corsia di marcia, così da costringere pericolosamente all’invasione delle corsia opposta su via Vittorio Emanuele direzione Piazza San Rocco. Si provi a immaginare l’invasione in curva della corsia opposta da parte di un motorino con un ragazzino alla guida mentre sopraggiunge un mezzo pesante”. Quello che ha sorpreso maggiormente, e che immaginiamo abbia fatto storcere il naso anche in commissariato, è stata la risposta che il comandante dei vigili Ottavio Di Meglio ha fornito a questa nota e che vi riportiamo integralmente: “Con nota trasmessa a mezzo pec, il comitato La strada del buonsenso ha segnalato a tutte le FF.PP. alcune criticità sul territorio di Barano d’Ischia. Premesso che quest’ufficio è carente di personale , in violazione dell’art. 12 L.R.C. n. 12/2003, si evidenzia che la giunta comunale ed in particolare il sindaco (come da allegata direttiva) ha limitato l’attività della polizia municipale alla vigilanza dei presidi scolastici ed al controllo dei divieti di sosta lungo la sola via Luigi Scotti di Piedimonte. Pertanto vogliate valutare quanto disposto dalla pubblica amministrazione”.

Insomma, di fatto nella sua nota Di Meglio scrive candidamente che dal palazzo municipale gli è stato detto cosa fare (e a questo punto, a voler essere maliziosi, dobbiamo credere anche… cosa non fare). Ed in effetti, quasi a volersi chiamare fuori in una sorta di paradossale scarica barile, il comandante della polizia locale allega anche la nota a firma del sindaco Gaudioso il quale si sofferma su due punti. Il primo, legato alle istruzioni direttive sul servizio di viabilità agli ingressi degli edifici scolastici, vede il primo cittadino scrivere quanto segue: “Vogliate organizzare il servizio nel modo seguente: dopo aver completato il servizio nei pressi dell’istituto Anna Baldino dalle ore 8.10 alle ore 8.25 effettuate servizio analogo nei pressi dell’edificio Barano Capoluogo e dalle 8.30 alle 9.00 nei pressi del circolo didattico”. Per quanto riguarda il secondo aspetto, legato ai divieti di sosta/fermata, ecco le indicazioni del sindaco al comandante: “Vogliate predisporre attività di verifica sull’osservanza del divieto di sosta-fermata insistente lungo via Luigi Scotti-località Piedimonte segnatamente dalla casa comunale fino alla casa parrocchiale sanzionando i veicoli trasgressori. Di tanto vogliate notiziare lo scrivente con report a cadenza settimanale riportanti il numero dei veicoli sanzionati con data e ora delle singole sanzioni”.

Insomma, Di Meglio allega la nota di Dionigi Gaudioso quasi a voler lasciare intendere nella sua risposta che lui si limita a svolgere quel compito e non va oltre perché chi amministra il paese non glielo chiede. Detto questo, la mattinata baranese della polizia si è conclusa con un blitz in via Terranera per verificare la presenza di un palese abuso edilizio che pure sarebbe stato oggetto di segnalazioni e mancati interventi. Il personale a disposizione di Ciro Re si è portato dietro per la cronaca pure i vigili, quasi a voler chiudere un episodio e una giornata oltremodo surreale.

Ads
Ads

Articoli Correlati

0 0 voti
Article Rating
Sottoscrivi
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
Visualizza tutti i commenti
Back to top button
0
Mi piacerebbe avere i vostri pensieri, per favore commentatex