Statistiche
CULTURA & SOCIETA'

La Pro Loco di Barano svela l’innato talento nell’artigianato dell’uncinetto tra ricami, pizzi e merletti e cestini colorati pizzi e merletti e cestini colorati

BARANO RACCONTA - Alla manifestazione di piazza San Rocco ha partecipato anche l’azienda agricola Filippo Florio con un’esposizione di prodotti contadini coltivati ed elaborati con tecniche tramandate dai tempi passati. Con un lavoro certosino e con caparbia, infatti, Filippo sta cercando di riprendere tutte le antiche tradizioni di coltura ed allevamento, come il recupero di antiche sementi, l’allevamento del coniglio da fossa e tanto altro, avendo come obiettivo principale quello di fornire un prodotto di nicchia, di esclusiva qualità, recuperando la bontà e la genuinità a discapito della quantità. Filippo ha riscoperto tante cose del nostro antico mondo contadino e le ha sapute raccontare a tutti i presenti con gentilezza e passione

Barano racconta, è il titolo azzeccato che lo staff organizzativo della Pro Loco baranese ha dato alla sua iniziativa finalizzata a svelare vita e miracoli del paese contadino, delle tradizioni della sua gente e della cultura artigianale di vario livello e tipo. E’ la passione con la bravura di trasformare le usanze semplici in manifestazioni di talento e di rivalutazione delle proprie risorse. Ersilia Conte vice presidente della Pro Loco Barano ci ha fornito gli elementi informativi per dare la giusta evidenza all’evento agostano svoltosi a Barano dove i protagonisti hanno raccontato la loro Barano e le vite nel profondo che la animano a cominciare dalle feste per lo più di matrice religiosa che avevano luogo nel paese. Infatti nel Comune di Barano sin dall’antichità si celebravano mumerose feste, ma tute legate ad eventi religiosi, in particolare in onore dei santi patroni.

Le feste patronali oltre ad essere un tripudio al proprio protettore affinchè proteggesse l’ intera comunità da ogni male e pericolo, rappresentavano l’unico momento per evadere da una vita di sacrifici. Soddisfacevano infatti il desiderio di evadere dalle segrete preoccupazioni quotidiane, dalle numerose ristrettezze e tribolazioni. Quando non c’erano né TV e né Internet o altri mezzi di svago, le feste del paese erano l’unico modo per distrarsi, incontrare persone nuove anche comprare ciò che non era disponibile nei tempi ordinari grazie all’arrivo di venditori ambulanti. Una festa particolarmente sentita era quella del Corpus Domini allorquando per le strade del paese veniva portatsìa non una statua ma l’ostia consacrata. Fra le contrade si creava una vera competizione a chi realizzava l’altarino più bello. Quindi mercoledì 25 agosto scorso la Pro loco Barano d’Ischia, a due anni dalla sua fondazione,si è ripresentata nella piazza di San Rocco, dove il 31 agosto 2019 organizzò il suo primo evento. Nella serata ultima recente, con pannelli illustrativi sono state presentate le attività intraprese dalla Pro loco in questi due anni difficili ed attraverso racconti, esposizioni di lavori artigianali e prodotti della nostra terra sono stati rievocati aspetti caratteristici della cultura legata al mondo contadino baranese. Le maestre di ricamo, uncinetto, chiacchierino, rafia, che gratuitamente nei corsi organizzati dalla Pro Loco svelano tecniche e segreti tramandate di generazione in generazione, hanno avuto momenti di gloria e di soddisfazione personale mostrando i loro stupendi lavori. Tovaglie, lenzuola, centrini, cestini, merletti di straordinaria bellezza e perfezione hanno suscitato in tutti i visitatori emozioni e plausi sinceri. Ad accompagnare gli ospiti con dolci melodie napoletane la chitarra di Vincenzo Lombardi che abitualmente e spontaneamente rallegra le serate dei baranesi.

Grazie all’opera del maestro artista Antonio Cutaneo , che ha realizzato un quadro paesaggistico con legnetti e petali di fiori multicolori,è stata riportata alla memoria una delle tradizioni più antiche legate alla festività del Corpus Domini: le infiorate per le strade del paese che coinvolgevano tutti , piccoli e grandi,in una competizione festosa e contagiosa. Sono stati letti racconti popolari ai piccoli presenti, mentre con gli adulti, attraverso ricordi scritti, sono stati evocati momenti di vita: la vendemmia, la ricerca di funghi, le conserve e tanto altro. Alla manifestazione ha partecipato anche l’azienda agricola Filippo Florio con un’esposizione di prodotti contadini coltivati ed elaborati con tecniche tramandate dai tempi passati. Con un lavoro certosino e con caparbia, infatti, Filippo sta cercando di riprendere tutte le antiche tradizioni di coltura ed allevamento, come il recupero di antiche sementi,l’allevamento del coniglio da fossa e tanto altro,avendo come obiettivo principale quello di fornire un prodotto di nicchia, di esclusiva qualità, recuperando la bontà e la genuinità a discapito della quantità. Filippo ha riscoperto tante cose del nostro antico mondo contadino e le ha sapute raccontare a tutti i presenti con gentilezza e passione. Nell’ambito delle dinamiche iniziative organizzate ultimamente dalla Pro loco di Barano d’Ischia, pur tra i vincoli legati alla pandemia e nel rispetto delle normative anti covid 19, bisogna anche ricordare la presentazione del romanzo “L’orchidea Marina” della prof.ssa Francesca Colella avvenuta sabato 21 agosto. Il romanzo narra un fatto di cronaca nera, un femminicidio, veramente accaduto sull’isola agli inizi del ‘900. Teatro dell’evento, uno dei luoghi del cuore del romanzo: la Torre saracena di Testaccio, sconosciuta a molti, uno dei tanti gioielli segreti che Ischia ci svela di tanto in tanto. Sulla sua terrazza, con vista su un panorama emozionante, tra i raggi del tramonto e le luci del crepuscolo, un uditorio attento e interessato, ha avuto modo di scoprire aspetti particolari del romanzo e dell’autrice vivendo momenti avvincenti attraverso la lettura di passi scelti. All’ iniziativa culturale di cui stiamo dando solo un accenno, dedicheremo nel prossimi giorno un servizio più approfondito con un nuovo testo e nuove foto dell’evento.

info@ischiamondoblog.com

Ads

Articoli Correlati

0 0 voti
Article Rating
Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Visualizza tutti i commenti
Back to top button
0
Mi piacerebbe avere i vostri pensieri, per favore commentatex
()
x