Statistiche
CRONACAPRIMO PIANO

La quiete dopo la tempesta, torna il mercato a Casamicciola

Ieri mattina manifestazione di protesta inscenata dagli operatori che chiedevano a gran voce la riapertura della fiera settimanale: alla fine, dopo un incontro col sindaco Castagna e il delegato Barile, arriva la fumata bianca

Due auto della polizia, una serie di piccoli e grandi automezzi parcheggiati sulle strisce blu di Piazza Marina. Ieri mattina è così all’improvviso (ma era stata chiaramente pianificata nei minimi dettagli alla vigilia, qualcuno ipotizza anche la matrice politica, ma questo francamente interessa poco al resoconto ed al racconto dei fatti) andata in scena la protesta dei mercatali di Casamicciola, che da tempo sono fermi ai box dopo che l’ASL Napoli 2 Nord aveva chiesto al Comune di Casamicciola Terme la chiusura della struttura ubicata presso il Pio Monte della Misericordia dopo che erano state riscontrate una serie di carenze igienico-sanitarie. I manifestanti si sono così letteralmente “accampati” all’esterno dei locali ex Capricho guardati a vista dagli agenti del commissariato di polizia di Ischia, guidati dal vicequestore Maria Antonietta Ferrara. Ma tutto, ed è giusto sottolinearlo, si è svolto sempre nei canoni della correttezza senza che si verificasse alcuna intemperanza.

Di lì a poco presso la struttura che tuttora ospita ancora alcuni uffici comunali si sono portati il sindaco Giovan Battista Castagna ed il consigliere comunale con delega a Fiere e Mercati, Giovanni Barile, che hanno incontrato una delegazione degli operatori che avevano deciso di protestare chiedendo a gran voce la riapertura del mercato. Il confronto è stato lungo, duro e schietto con le parti a ribadire a modalità alterne le proprie ragioni. Da una parte i mercatali che denunciavano di essere stanchi per una reiterata impossibilità a svolgere la propria attività (con tutto quello che ne consegue in un periodo di profonda crisi come quello che stiamo vivendo a causa del covid), dall’altra il primo cittadino a far notare che dinanzi a delle prescrizioni imposte dalle autorità sanitarie c’era ben poco da fare.

A partire dal 24 maggio appuntamento presso il parcheggio di Piazza Bagni, impossibile almeno per adesso ipotizzare il ritorno presso la storica location del Pio Monte della Misericordia

Ma non è tutto: sempre Castagna ha fatto osservare ai suoi interlocutori che – a differenza ad esempio di quanto accaduto a Forio – non era pensabile che l’ente termale investisse anche una cospicua somma di denaro per rimettere in sicurezza un’area come quella del Pio Monte che non è di proprietà del Comune e che inoltre a breve potrebbe (almeno questo è l’auspicio collettivo) essere finalmente oggetto di ben altre iniziative e lavori come quelli legati alla realizzazione di un resort di lusso da parte di una cordata tedesca pronta a rilevare l’immobile ormai cadente e in rovina da decenni.

Alla fine i partecipanti alla riunione, che ha avuto momenti concitati ma è sempre rimasta nei canoni della “civiltà”, hanno convenuto che bisognava necessariamente trovare il piano B che è stato individuato nel parcheggio di Piazza Bagni. E’ lì che a partire da lunedì 24 maggio tornerà ad essere attivo ed operativo il mercato comunale di Casamicciola. La forbice di quattordici giorni si rende necessaria ovviamente per ripulire l’area ed approntare tutta una serie di atti necessari per lo “start”. In una nota pubblicata nel tardo pomeriggio di ieri sui suoi canali social, il Comune di Casamicciola si legge che “il sindaco Castagna ha ribadito ai convenuti prima ed alla stampa presente poi di aver democraticamente accettato ma assolutamente non condiviso le plateali modalità della manifestazione ed ha particolarmente apprezzato l’intervento di Vincenzo Speranza che con onestà intellettuale ha ricordato come il primo cittadino e l’amministrazione abbiano sempre avuto sentimenti di vicinanza nei confronti degli operatori del mercato e messo in atto manifestazioni di coraggio come quando ad esempio fu favorita la riapertura della struttura dopo il sisma del 21 agosto 2017”.

Ads

Dal referente di Assocampania Vincenzo Speranza non è mancato comunque il riconoscimento all’amministrazione comunale, cui è stato riconosciuto di essere stata sempre al fianco della categoria anche in un recente passato

Ads

Un “endorsement”, questo, che mostra più di ogni altra cosa come in effetti l’amministrazione non sia mai stata lontana dal problema, che ha trovato la degna fumata bianca.

Foto Franco Trani

Articoli Correlati

0 0 voti
Article Rating
Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Visualizza tutti i commenti
Controllare Anche
Close
Back to top button
0
Mi piacerebbe avere i vostri pensieri, per favore commentatex
()
x