CRONACAPRIMO PIANO

La suggestione del coprifuoco, l’isola nel silenzio

Venerdì sera alle 23 anche a Ischia è scattata l’ordinanza varata dal governatore Vincenzo De Luca: strade e piazze vuote, controlli delle forze dell’ordine ma cittadini disciplinati

Vi risparmiamo, per evitarvi eccessi di stress, il pronostico su quello che potrà fare l’imprevedibile governatore della Campania Vincenzo De Luca. Il quale è riuscito nella difficile impresa di passare nel giro di meno ventiquattro ore da un coprifuoco notturno ad un lockdown totale che poi è diventato – al termine dell’incontro tra governo centrale e regioni – un qualcosa di più soft con una possibile zona rossa in provincia di Napoli. Ma siccome la notte è lunga e l’impressione è che pure di domenica il nostro non resterà a godersi la giornata in pantofole (o quantomeno lontano dal telefono), ecco che davvero bisogna aspettarsi di tutto. Ma intanto venerdì sera anche l’isola d’Ischia ha vissuto la sua prima notte all’insegna del cosiddetto coprifuoco. Intendiamoci, nulla di trascendentale: l’isola non è propriamente una capitale del divertimento della vita notturna, figurarsi adesso che siamo in autunno inoltrato. Ma certo, passeggiare tra le strade deserte e silenziose è stata una sensazione strana ed anomala. Va bene che non ci siano assembramenti, specie di venerdì, ma il non sentire nemmeno il rumore di un’autovettura o incrociare qualcuno mentre passeggiava, onestamente ha fatto un certo effetto.

E le scene (più o meno) inusuali sono tutte nelle foto che vi mostriamo in pagina: desolatamente vuote aree come la Riva Destra, il porto di Forio, che pure solitamente hanno locali che attirano frotte di giovani. Ma vista la chiusura imposta agli stessi ci sta. Desolatamente deserto anche il capolinea degli autobus, così come ad esempio il corso di Lacco Ameno. A vigilare sul corretto rispetto dell’ordinanza varata dal presidente della giunta regionale De Luca le forze dell’ordine, in primis carabinieri e polizia, ma secondo quanto ci risulta non si sono verificate infrazioni e il rispetto delle regole è stato osservato scrupolosamente da tutti i cittadini. Un buon viatico, nell’attesa di capire cosa ci riserverà l’immediato futuro. Del DPCM di Conte e delle sue limitazioni, vi riferiamo in altra parte del giornale. Resta solo da sciogliere l’enigma De Luca, e non è proprio poca roba.

Articoli Correlati

Un commento

  1. Lo avete rieletto voi campani lo sceriffo e a stragrande maggioranza….
    Durante la prima ondata si è fregiato di aver fatto bene solo perché il covid vi ha sfiorato,ora si vede quello che vale,uno zero assoluto.

Rispondi

Back to top button