CRONACAPRIMO PIANO

La tempesta perfetta mette in ginocchio l’isola

Oggi scuole chiuse, dopo i danni provocati dalla pioggia e dalle violente raffiche di vento nei vari Comuni isolani

Le previsioni meteo sono state rispettate in pieno. Il maltempo annunciato ha colpito in pieno anche la nostra isola, che ieri si è trovata a dover fare i conti con continui rovesci di pioggia e raffiche di vento molto forte, e relative mareggiate che hanno messo a durissima prova i collegamenti marittimi.

Per l’ennesima volta gli aliscafi sono rimasti attraccati in porto, mentre le navi con grande difficoltà hanno garantito il trasporto di merci e dei pendolari costretti a prendere le vie del mare con un tempo da lupi. Ma la furia del vento ha provocato diversi disagi anche lungo le vie dell’isola, dove diversi alberi sono stati spezzati o sradicati. Una pianta si è infatti pericolosamente abbattuta al suolo nell’area antistante il Palazzetto dello Sport, di fronte all’Istituto Telese, per fortuna senza causare danni a persone e cose. Un altro albero è rovinato sul marciapiede a Cartaromana, poco più avanti della scuola “O. Buonocore”.

Episodi del genere si sono verificati in varie altre zone. Addirittura in via Nuova dei Conti è stato necessario l’intervento dei Vigili del Fuoco, chiamati a rimuovere una pianta di grosse dimensioni che ostruiva la carreggiata. I pompieri hanno operato anche sul territorio di Forio. Sul lungomare tra Casamicciola e Lacco Ameno, violentemente spazzato da pioggia e vento, alcuni oleandri hanno presto ceduto alle raffiche, spezzandosi. Ma come sempre avviene in corrispondenza dei temporali, l’isola ha dovuto fare i conti con gli allagamenti di numerosi punti delle arterie stradali, e se la visione del borgo di Ischia Ponte invasa dal mare continua a suscitare notevole suggestione, c’è da registrare l’ormai consueta pletora di disagi dei residenti, alle prese con diversi centimetri d’acqua, costretti a indossare buste alle estremità inferiori per muoversi dalle proprie abitazioni o addirittura impossibilitati a riguadagnare l’ingresso delle stesse, cercando momentanea ospitalità altrove.

Anche sulla citata litonea, quasi in corrispondenza dell’Eliporto, la sede stradale è stata invasa dall’acqua piovana che non riesce incredibilmente a defluire verso il mare che si trova a pochi metri. Enormi disagi anche al Testaccio, dove la strada in via Piano si è trasformata in una palude di fango. Il sindaco Dionigi Gaudioso ha già annunciato che lunedì prossimo inizieranno i lavori per porre rimedio a questo annoso guaio. Negli scali portuali di Ischia e Casamicciola le imbarcazioni attraccate sono state assicurate agli ormeggi con un supplemento di funi, per evitare che il vento provocasse spostamenti e urti con altri natanti. In via Roma e in altre strade nei pressi del porto di Ischia le strade erano completamente allagate, con le caditoie che non riuscivano a smaltire la grande quantità di acqua e i tombini divelti dalla pressione.

Il maltempo è continuato fino a sera, quando con effetto domino tutti i sei Comuni dell’isola hanno via via annunciato ufficialmente la chiusura delle scuole per la giornata di oggi. Una misura dovuta, vista la quantità di pesanti disagi e criticità lamentati dal territorio. Anche molte attività di ritrovo, come palestre o circoli sportivi, a un certo punto del pomeriggio hanno diramato l’avviso di sospensione delle attività. Del resto, anche molti supermercati ed esercizi commerciali solitamente molto ben frequentati nella fascia pomeridiana ieri sono rimasti invece deserti, con gran parte della cittadinanza che ha preferito rifugiarsi in casa mentre all’esterno con regolarità sorprendente si alternavano tuoni, pioggia e vento, inframmezzati da estemporanei momenti di tregua.

Foto Franco Trani

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close