ARCHIVIO 4ARCHIVIO 5

La vanità va a teatro con la Pro Loco di Lacco Ameno

di Isabella Puca

Lacco Ameno – É Natale ed è tempo di sognare e cosa c’è di meglio per farlo se non con una bella favola? A mettere in scena “Il vestito nuovo dell’imperatore” di Gianni Rodari, domani nella sala congressi dell’hotel Regina Isabella, e ancora il 18 e i 21 dicembre per le scuole medie di Casamicciola, sarà la ProLoco di Lacco Ameno in collaborazione con il Collettivo Artisti Uniti “IL CARRO”.  “Il vestito nuovo dell’imperatore” è una famosa favola di Hans Christian Andersen messa in scena, nella bellissima riscrittura di Gianni Rodari,  da Aurora Cecchi, Roberto Scotto Pagliara,
Rosanna Nocera, Ivan Scotto Pagliara e Leonardo Bilardi che ne ha curato anche la regia. «Ci auguriamo che possa piacere – ci ha svelato Bilardi – per riproporlo presto a un pubblico più ampio. La regia, in realtà, è di Alessandro Del Bianco che quest’estate ci ha lasciati. É  stato il mio maestro e quando al pro loco mi ha chiamato ho subito proposto questo spettacolo perché era un modo per ringraziarlo per tutto quello che mi ha insegnato. Per questo motivo ho fatto di tutto per mantenere la sua regia».  Andato in scena al teatro 5 di Milano e a Pescara al festival del teatro per ragazzi più grande d’Italia, approda a Ischia con una nuova formazione, «sono stato fortunato nel trovare questi attori, -ha detto ancora Bilardi – hanno colto subito lo spirito del teatro per ragazzi messo e siamo riusciti a mettere in piedi un bello spettacolo, in due settimane». Al centro della storia la vanità, una caratteristica che lascia il tempo che trova. Protagonista è, infatti, un imperatore ossessionato dai vestiti. A causa della sua vanità  viene preso in trappola da due sarti che lo convincono di avere una seta magica che ha il potere  di essere invisibile agli occhi degli stupidi o a quelli delle persone poco degne. In verità, si scoprirà alla fine, i sarti  non hanno proprio nessuna seta ma nessuno hai il coraggio di dirlo ad alta voce per non apparire sciocchi. Sarà un bambino nella sua sincerità, poi, a svelare l’arcano. «In scena ci sarà tutto un gioco di finzione e come ogni favola ha una sua morale che è sempre molto attuale ma che, speriamo non lo sia più».

 

 

Ads

Ads

Articoli Correlati

0 0 voti
Article Rating
Sottoscrivi
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
Visualizza tutti i commenti
Pulsante per tornare all'inizio
0
Mi piacerebbe avere i vostri pensieri, per favore commentatex