Statistiche
ARCHIVIO 3ARCHIVIO 5

Labrador caduto in mare, adesso è l’ora delle polemiche

di Stefano Crupi

 

ISCHIA – Tutto bene quel che finisce bene. L’epilogo fortunato della vicenda che ha come protagonista involontario un cucciolo di Labrador, Noodle, scivolato dal ponte di un aliscafo Caremar e tratto in salvo da un gruppo di velisti del circolo Savoia di Napoli.

Una storia a lieto fine che ha commosso ed emozionato il mondo del Web. E’, infatti, subito diventato  virale il video amatoriale che riprende i componenti dell’equipaggio dell’imbarcazione a vela che in seguito all’avvistamento del cagnolino, si danno da fare e si impegnano per salvare la vita dell’insolito naufrago.  Dalle immagini si vede il piccolo Noodle nuotare a fatica per raggiungere la poppa del natante ed i sei velisti che, con determinazione, lo incitano a non mollare. Una volta a bordo, il cucciolo infreddolito e sfinito da un’estenuante mezz’ora di passione, viene circondato dall’intero equipaggio che nell’entusiasmo generale si stringe affettuosamente intorno a lui. Migliaia le condivisioni e i commenti di elogio per i sei “eroi” napoletani che dopo aver aver prestato i primi soccorsi e aver portato in salvo Mosé (così ribattezzato dai suoi salvatori) hanno riconsegnato il piccolo al legittimo padrone. Un atto di eroismo e di amore che non ha lasciato indifferente il mondo social e che ha al contempo acceso i riflettori sul lato oscuro di questa vicenda.  Non sono ancora del tutto chiare le modalità con cui avrebbero operato gli uomini in servizio sull’aliscafo della Caremar.

CONTINUA A LEGGERE SU IL GOLFO IN EDICOLA

Ads

Ads

Articoli Correlati

0 0 voti
Article Rating
Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Visualizza tutti i commenti
Back to top button
0
Mi piacerebbe avere i vostri pensieri, per favore commentatex
()
x