Statistiche
ARCHIVIO 3ARCHIVIO 5

Lacco Ameno, ancora blackout telematico: e il guasto resta avvolto nel mistero

LACCO AMENO. Ieri sono continuati i disagi in alcune zone di Lacco Ameno, rimaste isolate o comunque malservite dalle linee telefoniche e telematiche, con i danni che è facile immaginare per i residenti e per le loro attività economiche. E la situazione, quando ormai il problema va avanti ininterrottamente da domenica scorsa, comincia a diventare insostenibile non soltanto per i privati cittadini, ma soprattutto per le aziende che da questa vicenda stanno cominciando a ricavare anche un più che probabile danno economico oltre che una sicura crisi di nervi.

La connessione internet, a fronte di qualche momentanea ripresa, ha continuato ad essere assente sia in alcune zone centrali del paese che in altre più periferiche. Nella mattinata di ieri qualcuno ha sperato che l’emergenza fosse superata, visto che in molte aziende, uffici ed abitazioni si è rivista la connessione alla rete. Ma non c’è stato nemmeno il tempo di stappare una bottiglia di spumante che subito si è tornati al “buio pesto” accompagnato dagli immancabili improperi di una cittadinanza ormai davvero inferocita ed imbufalita.

Dopo ben sei giorni consecutivi di blackout è però lecito chiedersi perché non sia ancora stato reso noto l’effettiva origine dei guai che stanno complicando la vita e il lavoro di molti cittadini. Una delle compagnie telefoniche che gestiscono il traffico telematico ha affermato che i lavori sono “più difficili del previsto”, e che i tecnici inviati in riparazione sarebbero “in attesa di alcune autorizzazioni” necessarie per poter proseguire le operazioni.  Se davvero dovessero esserci legami tra i lavori di ristrutturazione fognaria (il sospetto è venuto osservando i tecnici a lavoro proprio in corrispondenza di uno dei punti dove hanno avuto luogo gli interventi sulla rete fognaria) potrebbe prospettarsi un problema non certo di poco conto, con la Compagnia telefonica e l’ente comunale a rimpallarsi le rispettive responsabilità di un guasto così esageratamente prolungato al punto da aver messo a dura prova i nervi di vari utenti. Nella malaugurata ipotesi di tale connessione (se ci si passa il termine) tra il guaio alle linee telefoniche e i lavori che hanno polemicamente interessato per quasi un anno il centro del paese, potrebbero esserci infatti strascichi anche di natura economica, visti i potenziali danni da rivendicare. E le esauste casse del Comune non sono certo pronte a sopportare ulteriori eventuali “traumi”. Insomma, il fatto che per ristabilire il ritorno alla normalità stia passando tutto questo tempo lascia intendere come debba essere accaduto qualcosa di serio, che va ben oltre l’ordinaria amministrazione: insomma, per farla breve, pur non essendo tecnici qualificati, non ci vuole tanto a capire che certamente il problema è ben più serio di una centralina che presenta alcune anomalie. Ma nell’attesa di capire chi ha sbagliato e chi eventualmente dovrà mettere mano alla tasca, per ora, a pagare le conseguenze e disagi di questa assurda settimana senza connessione web, sono naturalmente gli abitanti e gli esercenti, impossibilitati a comunicare e a lavorare.

Articoli Correlati

Rispondi

Back to top button