POLITICA

L’affondo di Capezzuto: «Grazie al mio lavoro si vive ancora da rendita»

Botta e risposta, nell’area di centro destra, tra l’ex sindaco e Menico Scala, sull’impostazione dell’imminente campagna elettorale per le comunali

Il 2019 si avvia a conclusione e l’avvicinarsi della scadenza elettorale comunale, prevista per la primavera del 2020, favorisce l’innalzamento della temperatura del confronto politico tra le varie anime in campo e all’interno delle stesse dando, probabilmente, una anticipazione di quella che sarà la campagna elettorale vera e propria. In effetti, dopo il Consiglio comunale del 9 dicembre scorso, un primo aspetto interessante da sottolineare è la discussione che si è aperta nell’area del centro destra con l’ex sindaco Vincenzo Capezzuto ad accendere la miccia in una riflessione lanciata dal suo profilo social.

“Assistere quotidianamente e leggere alcuni post che evidenziano delle cose sciocche che non vanno, con la leggerezza di chi è inconsapevole dei problemi strutturali dell’azienda comunale e utilizzare il tutto come strumento di propaganda politica – scrive Capezzuto – non può e non deve essere il messaggio di chi in passato ha avuto delle responsabilità amministrative. Indicare un percorso politico e successivamente amministrativo da seguire, comunque difficile, può essere accettabile e proponibile. Questo metodo vecchio di fare politica di arruolare persone ignare dei reali problemi che vive il nostro Comune non mi appartiene!! Non è un progetto vincente, ho sperato in una novità di metodo e di sostanza e non di facciata accompagnata da qualche onesta autocritica, ma tutto ciò non è accaduto. E allora penso che sia arrivato il momento di una vera riflessione che potrebbe portare ad una definitiva scissione e successiva nascita di un terzo e indispensabile soggetto politico. Ho trainato la carretta per quindici anni e grazie al mio lavoro ancora oggi molti si vantano delle cose da me realizzate. Ho commesso il grande errore di pensare – conclude l’ex sindaco Vincenzo Capezzuto – che era il momento di lasciare ad altri l’onere di questo lavoro e credere in una emancipazione politica di un’ area ancora oggi sicuramente maggioritaria”.

A replicare, sempre con un post, Menico Scala, ex assessore della giunta Capezzuto, ed attualmente consigliere comunale e commissario isolano di Forza Italia, il quale, a margine del commento sulla riunione del Civico Consesso, pur non chiamando direttamente in causa Capezzuto, diciamo che “parla a nuora perché suocera intenda”: “Ennesimo Consiglio Comunale con tante assenze che quasi quasi non si riusciva ad avere il numero legale. Eppure si parlavano di argomenti importanti quale trasporti marittimi e di idroambulanza, il cui servizio per la terraferma è sospeso, e che oggi siamo costretti nelle emergenze ad attendere la motovedetta da Ischia o Elicottero. Una situazione molto grave per il territorio, che spero venga risolto in breve tempo, ringraziando anche la disponibilità del gestore del “Leone di Mare” che ha offerto senza costi la propria struttura per ospitare i militari, e spero che basti, in quanto sono stati effettuati già un bando per alloggi ma è andato deserto ed e’ in corso anche altro bando con richieste ritenute più accessibili, ma certo non si può aspettare più di tanto. Per la questione trasporti, il fuori luogo dell’Assessore, con relativa accusa ai “quelli di prima” non è stata gradita a tanti, stemperata giustamente dal Sindaco ed evidenziata dall’opposizione. Abbiamo richiesto un piano emergenziale alla Regione Campania e la contrattualizzazione di alcune corse ritenute necessari, tra le quali quelle di Pozzuoli, di primo mattino ore 5.50 e riempire dei vuoti di orario per e da Pozzuoli stessa nelle fasce pomeridiane. Abbiamo chiesto nuovi tavoli di incontro con la Regione, ringraziando per il lavoro profuso Maria Grazia Di Scala per la collaborazione e a Giuseppe Giaquinto come rappresentante del Comitato utenti dei trasporti. Tanta Responsabilità e tanto impegno in questi anni la nostra opposizione ha cercato di lavorare con tanta voglia e accogliendo tante proposte dei cittadini. Nel prossimo Consiglio si discuterà anche di Sanità con odg specifico. Dei commenti altrui non interessano, se si fosse stati davvero interessati alla politica, in tutte le vesti, si sarebbe partecipo ovunque, anche negli incontri settimanali. In questi quattro anni e mezzo ho notato che il ruolo di minoranza è duro come quello di maggioranza e anche tanto impegnativo. Infine, avremo modo di parlarne con tutti coloro che si impegneranno nella prossima campagna elettorale, e vi assicuro saranno tutti carichi e responsabili”.

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close