ARCHIVIOARCHIVIO 3ARCHIVIO 5

L’albergo non piace, i turisti aggrediscono il titolare della struttura

FORIO.  Una vicenda che ha davvero dell’incredibile e che conferma una volta di più come la qualità del nostro turismo non sia purtroppo delle più eccelse. L’episodio che ci apprestiamo a raccontare si è verificato alcuni giorni fa a Forio, presso una struttura ricettiva ubicata all’ombra del Torrione. E, presumibilmente, potrebbe essere oggetto anche di strascichi giudiziari, che inevitabilmente però dovranno passare per querele di parte che a giudicare dalla dinamica dei fatti difficilmente finiranno col mancare, trascinando un caso a dir poco deprecabile in un’aula di tribunale. Protagonisti dell’accaduto i titolari di un noto albergo ed un nucleo familiare abbastanza composito di turisti partenopei, almeno una decina di persone, che si erano recate sulla nostra isola per trascorrere un periodo di vacanza, che però di “tranquillo” non avrebbe avuto assolutamente nulla.

Le cose sono andate male sin dal momento in cui la poco allegra comitiva è giunta presso la struttura che era stata prenotata per la villeggiatura. Secondo le informazioni in nostro possesso, l’hotel piaceva decisamente poco e meno ancora le camere dove gli ospiti erano stati sistemati. Un’altra serie di dettagli, evidentemente, avrebbero fatto il resto. Fatto sta che a un certo punto una delegazione di “signoroni” ha inteso affrontare a muso duro il proprietario, facendogli notare il malcontento della “truppa” verso la destinazione nella quale avrebbero dovuto trascorrere la propria vacanza. Ne è nato un alterco anche abbastanza sostenuto, poi le “giarretelle” si sono rotte nel momento in cui uno dei vacanzieri si è rivolto al suo interlocutore con una frase tutt’altro che ortodossa, invitandolo a dar fuoco all’albergo, con tono chiaramente dispregiativo.

Un consiglio, questo, che ovviamente non è piaciuto al destinatario che ha risposto per le rime e a quel punto – secondo una versione che resta comunque di parte – pare che diverse persone abbiano aggredito l’uomo anche in maniera violenta. In suo soccorso ha cercato di arrivare la moglie, che però le avrebbe buscate parimenti di santa ragione. Quando gli animi si sono calmati, sul posto sono giunti i carabinieri della locale Stazione, che hanno provato innanzitutto ad accertarsi che tra i contendenti non nascessero nuovi “focolai” e poi hanno preso atto dell’accaduto. Dicevamo che per far sì che la vicenda possa avere una coda dovranno per forza arrivare le querele di parte. L’albergatore si sarebbe fatto refertare all’ospedale Rizzoli di Lacco Ameno, in suo soccorso potrebbero tornare utili anche le immagini della videosorveglianza, che avrebbero inequivocabilmente ripreso la “mazziata” che gli è stata riservata. Insomma, se pensiamo che l’estate è appena iniziata c’è poco da stare allegri. Perché, al netto di chi potesse avere ragione e chi torto, una reazione tanto spropositata non è mai nemmeno lontanamente giustificabile.

DI GAETANO FERRANDINO

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close