Statistiche
ARCHIVIO 3ARCHIVIO 5

L’amaro capodanno per i bigliettai della Caremar

ISCHIA – Sarà per le otto famiglie dei lavoratori addetti alle biglietterie della Caremar di Napoli, un capodanno amaro, vedendo i loro cari costretti ad incatenarsi per protestare contro il loro licenziamento. Ieri infatti, come anticipato dal nostro Giornale, alle ore 12.30 l’Amministratore Delegato della “nuova” Caremar, il dott. Franco Ceci, accompagnato dalla Polizia di Stato è entrato nelle biglietterie della Caremar – zona demaniale del porto di Napoli a Calata Porta di Massa – e ha intimato ai bigliettai “incatenati” di allontanarsi e liberare il posto di lavoro ai nuovi addetti, assunti direttamente dal management della società mesi fa privatizzata dalla Regione Campania ed affidata alla Snav-Rifim. I lavoratori, ormai prossimi al licenziamento, prima di lasciare le biglietterie, hanno consegnato nelle mani dell’Amministratore, una nota, con la quale dichiarano la loro disponibilità alla gestione della biglietteria, con una percentuale inferiore ( mezzo punto, in termini di costi per la nuova società marittima) rispetto a quello che è stato dato alle altre agenzie. L’amministratore non si è sbilanciato, anche se come affermato dai lavoratori, in passato erano state date numerose rassicurazioni sulla tenuta dei livelli occupazionali anche per gli addetti alle biglietterie. Il caso infatti non riguarda solo Napoli, ma il prossimo 28 febbraio, scadrà il contratto anche per i lavoratori della biglietteria di Ischia, che quindi avranno, salvo diversi ed auspicabili interventi, la stessa sorte dei loro colleghi sulla terraferma.

La causa di tutto ciò è il mancato accordo tra la compagnia di navigazione e la società concessionaria del servizio, la Travel and Holidays, che da ventiquattro anni gestiva ininterrottamente le operazioni di emissione dei titoli di viaggio per i passeggeri. Un esito drammatico che getta nella disperazione tante famiglie, molte delle quali chiamate quotidianamente a fronteggiare situazioni difficili: c’è chi ha figli adulti colpiti da gravi disabilità, chi invece ha appena messo su famiglia. Molti di essi, in servizio da oltre trentacinque anni, hanno trascorso l’intera vita lavorativa sempre al servizio della Caremar, alcuni perfino da quando essa si chiamava SPAN (cioè fino al 1975, anno in cui mutò denominazione), attraversando le varie gestioni succedutesi. La situazione, benché assurta alle cronache da pochi giorni, in realtà è deflagrata già la scorsa estate, quando la storica Compagnia di navigazione, in quel momento di proprietà della Regione Campania, viene definitivamente assorbita dal gruppo Snav-Rifim. Nonostante le ampie rassicurazioni iniziali espresse verso i dipendenti delle biglietterie circa la continuità del rapporto di lavoro, alle varie società concessionarie del servizio di bigliettazione la dirigenza appena insediata decide di proporre nuove condizioni, che prevedono il dimezzamento della percentuale di provvigione finora percepita dalle concessionarie. Tale decurtazione viene accettata dalle ditte che gestiscono le biglietterie di Procida, Pozzuoli, Capri e Sorrento, tutte strutture a conduzione praticamente familiare, composte da una o al massimo due unità lavorative. Ben diverse le biglietterie di Napoli e Ischia che, visto il grande traffico d’utenza, contemplano organici più estesi: otto persone a Porta di Massa, altre sei al porto d’Ischia. La Travel and Holidays, non avendo ricevuto formalmente proposta di rinegoziazione delle precedenti condizioni da parte della Caremar, si trova così a chiudere dopo un quarto di secolo l’attività di bigliettazione per la Compagnia: ecco che i quattordici dipendenti precipitano nel dramma. Oggi continueranno le proteste, con un presidio fisso all’interno del terminal per i traghetti di Porta di Massa, nel porto napoletano. I lavoratori, infatti, con numerosi interventi, hanno lanciato un grido d’aiuto rivolto soprattutto alla Regione Campania, che investe risorse e fondi pubblici con un finanziamento di circa 10 milioni di euro per la nuova società che ha rilevato la Caremar. È quindi proprio agli esponenti della Regione, e primo fra tutti, il Presidente De Luca, che i lavoratori in protesta si rivolgono, affinché si possa trovare una soluzione che metta fine a questa vertenza e faccia ritrovare il sereno alle tante famiglie che stanno vivendo ore d’angoscia. Ieri si sono inoltre registrati numerosi disagi, proprio a causa del cambio di gestione delle biglietterie. Lunghe file e ore d’attesa, hanno creato proteste anche nei passeggeri e rallentamenti nelle partenze dei traghetti. Il tutto sotto l’occhio vigile della Polizia di Stato che ha presidiato con un reparto, e con la Digos, l’area della protesta nella giornata di ieri.

Molti sono stati gli esponenti politici e del mondo delle associazioni che hanno dichiarato la vicinanza e la solidarietà ai lavoratori. La Consigliera Regionale Maria Grazia Di Scala, ha  chiesto al presidente della Terza Commissione Regionale, Nicola Marrazzo, di intervenire sui vertici Caremar «affinché i lavoratori delle biglietterie siano assunti direttamente dalla compagnia di navigazione, che potrebbe “gestire” una nuova cooperativa formata dai bigliettai che finora hanno lavorato e che hanno dato la loro disponibilità in tal senso, anche a condizioni per loro economicamente svantaggiose pur di mantenere il posto di lavoro. Ritengo – ha continuato la Di Scala –  che tecnicamente sia l’unica strada praticabile, dopo un atto di forza compiuto dalla Caremar così mortificante della dignità di chi per anni ha lavorato con professionalità. Spero che la compagnia si renda conto del grave errore che sta commettendo – conclude il consigliere regionale di Forza Italia – e che chi ha voluto tutto ciò si ravveda. Ma subito, deve essere fatto subito». Anche Nicola Lamonica, presidente di Autmare, ha espresso solidarietà invitando tutti ad unirsi questa mattina alla loro protesta. Certamente non sarà un capodanno facile, ma speriamo che il 2016, possa portare anche la risoluzione di questo problema, donando nuova tranquillità a queste famiglie.

 

Ads

Articoli Correlati

0 0 voti
Article Rating
Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Visualizza tutti i commenti
Back to top button
0
Mi piacerebbe avere i vostri pensieri, per favore commentatex
()
x