Statistiche
CULTURA & SOCIETA'

L’Arma dei Carabinieri di Ischia ha festeggiato la sua Patrona Virgo Fidelis con slancio di fede ed eterna presenza

Il presidente uscente dell’ Associazione Nazionale Carabinieri Maresciallo Maggiore Giovanni Vittozzi ha ricevuto dal nuovo Presidente Luogotenente Luigi Magliaro un attestato di gratitudine a nome dell’ Associazione e dal Volontariato di Protezione Civile

I carabinieri di Ischia hanno celebrato nella Chiesa parrocchiale di San Pietro la 72esima Virgo Fidelis, la loro Patrona, Fedele nei secoli. . Officiante della Santa Eucarestia il parroco Don Agostino Iovene.Presenti in Chiesa alla cerimonia il sindaco d’IschIa dott. Enzo Ferrandino, il sindaco di Lacco Ameno Giacomo Pascale, il nuovo comandante del Palazzo Reale Tenente Colonnello Antonio Procentese, il Comandante della Guardia di Finanza, Capitano Antonio Giglio, Comandante Marina Militare di Ischia Tenente di Vascello Antonio Cipresso, Il dirigente della Polizia di Stato commissariato di Ischia, rappresentanti dei Vigili del Fuoco di Ischia, rappresentanti Corpo Vigili Urbani, Comandante della Compagnia Carabinieri di Ischia e Procida Capitano Angelo Pio Mitrione, i soci dell’Associazione Nazionale Carabinieri di Ischia e Procida col nuovo presidente luogotenente Luigi Magliaro, Assocuiazioni di volontariato Protezione Civile.

Dopo l’intervento di Don Agostino Iovene sui valori dell’ Arma dei Carabinieri, si è passati alla lettura della preghiera del Carabiniere alla Virgo Fidelis ed al commovente ricordo del carabiniere in congedo Filippo Fiamingo scomparso improvvisamente ed immaturamente pochi giorni fa nella sua casa di Barano. Al termine della funzione religiosa l’Associazione Nazionale Carabinieri si è trasferita al ristorante La Beccaccia per un incontro conviviale a cui ha partecipato anche il capitano Mitrone accompagnato dal luogotenete CS. Salvatorfe Soriente comandante della stazione carabinieri di Forio. Il presidente uscente dell’ Assciazione Nazionale Carabinieri Maresciallo Maggiore Giovanni Vittozzi ha ricevuto dal nuovo presidente luogotenente Luigi Magliaro un attestato di gratitudine a nome dell’associazione e dal volontariato di protezione civile. Nell’Arma dei Carabinieri, secondo Don Fabio Arduino, il culto alla Virgo Fidelis iniziò subito dopo l’ultimo conflitto mondiale per iniziativa di S.Ecc. Mons. Carlo Alberto Ferrero di Cavallerleone, Ordinario Militare d’Italia e di Padre Appoloni SJ, Cappellano Militare Capo. Lo stesso Comandante Generale prese a cuore l’iniziativa e bandì un concorso artistico per un’opera che raffigurasse la Vergine, patrona dei Carabinieri. Lo scultore architetto Giuliano Leonardi rappresentò la Vergine in atteggiamento raccolto mentre, alla luce di una lampada, legge in un libro le parole profetiche dell’Apocalisse “Sii fedele sino alla morte”. La scelta della Virgo Fidelis quale celeste patrona dell’Arma è indubbiamente ispirata alla fedeltà che, propria di ogni soldato che serve la Patria, è caratteristica dell’Arma dei Carabinieri che ha per motto “Nei secoli fedele”. L’8 dicembre 1949 Sua Santità Pio XII, accogliendo l’istanza dell’Ordinario Militare, proclamava ufficialmente la Virgo Fidelis patrona dell’Arma, fissandone la celebrazione al 21 novembre, in concomitanza con la Presentazione di Maria Vergine al Tempio e nell’anniversario della battaglia di Culqualber. Congiuntmente alla Virgo Fidelis l’Arma celebra anche la Giornata dell’Orfano, istituita nel 1996, che rappresenta per i Carabinieri e per l’Opera Nazionale di Assistenza per gli Orfani dei Militari dell’Arma dei Carabinieri, occasione di concreta vicinanza alle famiglie dei colleghi caduti.

La preghiera del Carabiniere alla “Virgo Fidelis” è dell’Arcivescovo Carlo Alberto Ferrero di Cavallerleone, che nel 1949 era Ordinario Militare. Eccone il testo: “Dolcissima e gloriosissima Madre di Dio e nostra, noi Carabinieri d’Italia, a Te eleviamo reverente il pensiero, fiduciosa la preghiera e fervido il cuore!
Tu, che le nostre Legioni invocano confortatrice e protettrice col titolo di “Virgo Fidelis”,
Tu accogli ogni nostro proposito di bene e fanne vigore e luce per la Patria nostra,
Tu accompagna la nostra vigilanza, Tu consiglia il nostro dire, Tu anima la nostra azione, Tu sostenta il nostro sacrificio, Tu infiamma la devozione nostra!
E da un capo all’altro d’Italia suscita in ognuno di noi l’entusiasmo di testimoniare, con fedeltà sino alla morte, l’amore a Dio e ai fratelli italiani. E così sia!
“. Alla Preghiera del Carabinoiera alla virgo Fidelis c’è anche l’nno con la musica eseguida dalla Bandas dell’ Arma dei Carabinieri di Roma. Queste le paroòle dell’inno: In una luce fulgida di fiamma / Con ali bianche nell’azzurro ciel / Al tuo trono corrusco o dolce mamma / Sale il palpito del figlio tuo fedel / Egli in silenzio preparò il suo cuore/
Ed in silenzio veglia l’avvenir / Su lui rivolgi gli occhi tuoi d’amore /
Rendi nobile e lieve il suo soffrir/ Tu sei regina dell’eterna corte / Perché salisti il monte del dolor/ Il cuore mio non femerà la morte / Perché ha giurato fede al tricolor / Se di baleno è il simbolo d’argento / Sulla tua fronte a raggi guizzerà /
E la bandiera a raffiche di vento / Nel tripudio di luce ondeggerà / Allor più ardente dalle tue legioni / Un grido sol a te si leverà / O nostra stella che nel ciel risuoni / Giuramento d’amore e fedeltà.

info@ischiamondoblog.com


Ads

Articoli Correlati

0 0 voti
Article Rating
Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Visualizza tutti i commenti
Back to top button
0
Mi piacerebbe avere i vostri pensieri, per favore commentatex
()
x