LE OPINIONI

Le dichiarazioni del titolare del locale foriano Tiratardi Giovanni Trani: «Le regole anti covid non ci hanno dato una mano»

Abbiamo voluto dare voce a Giovanni Trani del Tiratardi di Forio: «L’anno è cominciato per noi in sordina. Abbiamo riaperto il 29 maggio, ma i primi giorni non sono stati certo semplici anche per la mancanza dei festeggiamenti legati al giorno di San Vito che, da sempre, ci hanno dato una mano in fatto di presenze. La svolta è avvenuta a luglio quando sulla nostra isola si sono riversati tanti turisti, soprattutto giovani. Ad agosto, poi, abbiamo lavorato a pieno regime e, anzi, in quattordici anni di gestione non ho mai visto tante persone in un solo mese». Ha poi continuato facendo un’analisi sul flusso dei clienti e sulle stringenti regole anti-contagio: «Come ho detto, molti erano i giovani soprattutto provenienti da altre parti d’Italia, anche se, ad essere sincero, non sono mancati clienti francesi, inglesi mentre pochissimi sono stati i tedeschi. Le regole anti-covid sicuramente ci hanno dato una pesante penalizzazione, visto che all’interno del nostro locale potevamo far entrare al massimo tre o quattro persone alla volta. Per quanto riguarda l’esterno, anche lì abbiamo deciso di fermare le persone all’ingresso quando non c’era più lo spazio per garantire il distanziamento». Giovanni Trani ha concluso: «Per settembre, meteo permettendo, credo che possa esserci ancora un buon bacino di clienti soprattutto nei week-end, ma il mio auspicio è che si possa lavorare anche a ottobre con un prolungamento della stagione».

Articoli Correlati

Rispondi

Back to top button