CRONACA

Le offese a Borrelli, quando al peggio non c’è mai fine

Incredibili alcuni video postati su Fb nei quali il consigliere regionale viene ignominiosamente fatto oggetto di attacchi non soltanto politici ma addirittura personali: una vicenda davvero squallida

Al peggio non c’è mai fine. Non solo negli ultimi mesi il consigliere regionale Francesco Emilio Borrelli è stato oggetto di aggressioni personali, minacce di ogni tipo fino al rogo del suo scooter ma adesso si mette in moto anche la macchina del fango di alcuni pseudo professionisti che realizzano video offensivi e ingiuriosi contro di lui e la sua famiglia dai luoghi di villeggiatura. Un gruppo di persone tra cui addirittura uno di loro che sarebbe esponente della Marina Miliatare si ritrovano a fare una serie di video pubblicati su fb in cui prima scherzando e poi andandoci giù pesante ingiuriano in ogni modo l’esponente politico dei Verdi reo a loro dire di fare battaglie inutili contro l’illegalità diffusa e per il suo aspetto fisico.

Borrelli ha subito ripubblicato il tutto sulla sua pagina fb scatenando le critiche del popolo della rete che in stragrande maggioranza si è schierata con lui chiedendo che subito fosse segnalato ai superiori anche il membro della Marina Militare che con le sue offese avrebbe disonorato l’istituzione che dovrebbe rappresentare. C’è da domandarsi del perché dei signori che passano una giornata di relax a farsi un bagno in un sito termale dedichino tanto tempo ed energia ad ingiuriare un uomo delle istituzioni perché è sempre attivo contro la delinquenza. Non c’è nulla di divertente o costruttivo in quello che hanno fatto, solo un tentativo squallido di bullizzare in questo caso Borrelli. Un segnale molto preoccupante della deriva che sta prendendo il nostro paese. La libertà di opinione non è libertà di ingiuria o volgarità verso il prossimo e fa male che verificare che in questa triste e squallida vicende siano coinvolti anche degli ischitani.

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close