CULTURA & SOCIETA'PRIMO PIANO

Le studentesse dell’ IC ‘Ibsen’ di Casamicciola all’happening musicale Piano City Napoli

Un momento di grande crescita umana e professionale per una comunità scolastica che resiste e prova a ritornare alla normalità. Tra qualche giorno, al Polifunzionale, il Concorso nazionale “Vincenzo Mennella”.

Un intero week end dedicato alla celebrazione del pianoforte con concerti, eventi e appuntamenti che coinvolgono i luoghi pubblici e i salotti più belli della città di Napoli. Tre giorni con un protagonista assoluto, il pianoforte, suonato in ogni genere musicale da musicisti professionisti e appassionati. Compresi gli studenti di tante scuole che, forse per la prima volta, si misurano davanti a un pubblico in una kermesse così originale.

E’ Piano City Napoli, happening nato da un’idea del pianista tedesco Andreas Kern, giunto alla sesta edizione, organizzato e promosso dall’Assessorato alla Cultura e al Turismo del Comune di Napoli in collaborazione con l’associazione NapoliPiano. A questa grande kermesse, seguita da Rai e media nazionali, hanno partecipato anche sette studentesse del corso a indirizzo musicale della scuola media “E. Ibsen” di Casamicciola Terme. Alessia Di Costanzo e Maria Teresa Mattera (IC), Maria Piro e Ludovica Vuolo (II C), Roberta Catasta, Marica Elia e Francesca Pisani (III C), guidate dall’insegnate Amalia Della Monica, si sono esibite presso il suggestivo Corridoio delle Armi del Maschio Angioino, maniero simbolo della storia di Napoli, in contemporanea con altri giovani artisti della musica.
Repertorio ampio e impegnativo dove è il pianoforte a dominare: Alessia Di Costanzo ha eseguito “Minuetto in fa maggiore” di Mozart; Teresa Mattera il “Minuetto in sol maggiore” di Bach; Maria Piro il “Valzer in la minore” di Chopin; Ludovica Vuolo la “Ballata” di Friedrich Burgmüller; Francesca Pisani il “Notturno” di Chopin; Roberta Catasta un “Notturno” di John Field; Marica Elia lo “Studio” di Khachaturian.

«L’emozione delle ragazze è stata tanta, ma molto costruttiva» ha raccontato al Golfo la docente di musica professoressa Amalia Della Monica. «Esibirsi in pubblico non è semplice a quell’età; qualcuna è molto timida, ha paura. Eppure è uno sforzo utile, perché sono occasioni preziose grazie alle quali si cresce musicalmente e nel carattere. Una sfida con se stessi, prima di tutto; una scossa positiva e salutare per vincere le insicurezze e abbandonarsi alla forza rigeneratrice della musica. Le nostre studentesse sono state tutte molto brave, felici di aver suonato davanti alle loro famiglie ma soprattutto per un pubblico in buona parte sconosciuto, ma competente e appassionato di musica. Durante la presentazione – ha continuato la docente – si è fatto riferimento al triste evento del terremoto che nel 2017 che ha coinvolto la nostra cittadina e ci ha privato della nostra scuola, oltre che di una serena vita didattica. Eppure la scuola di Casamicciola resiste, deve farcela, la musica può aiutarci a superare ogni difficoltà. Subito dopo il sisma, con la preside Prof.ssa Marinella Allocca, abbiamo pensato a recuperare i pianoforti, uno a coda e due verticali, per trasferirli presso il Convento dei Padri Passionisti di Casamicciola grazie alla gentilezza e disponibilità del superiore Padre Pietro. Qui ci siamo esercitati, abbiamo continuato le lezioni insieme ai colleghi di chitarra, violino e flauto. Siamo riusciti a fare il saggio di Natale e ad accettare l’invito di Piano City per questo evento così importante che, per la prima volta, si è aperto alle scuole del territorio. Nonostante le difficoltà organizzative, le esibizioni delle alunne dell’Ibsen sono state molto apprezzate per la preparazione, l’esecuzione a memoria e la musicalità espresse. L’esperienza si è rivelata molto positiva ed è stato un importante momento di crescita musicale, di confronto, di amicizia, di socializzazione e, non da meno, di grande impatto culturale. Come spesso accade, Napoli si è rivelata all’altezza dell’evento accogliendo con professionalità e simpatia tutti noi, regalandoci, sia pure per una sola giornata, la possibilità di allontanare i tristi avvenimenti vissuti nei mesi passati, sostituendoli con le emozioni della musica e i colori della città. »

Pensieri, giovani talenti, racconti e tanta passione per la musica per non disperdere un patrimonio umano fatto di resistenza, studio, sacrifici e amore per il proprio territorio. «Con tenacia continuiamo ad andare avanti» ha confessato l’insegnante «grazie alla forza che ogni giorno i nostri allievi e le loro famiglie ci danno, cercando di fare tutto il possibile nonostante le difficoltà da affrontare. Tra qualche giorno, ad esempio, si terrà la 24° edizione del Concorso nazionale “Vincenzo Mennella”, al quale parteciperemo come musica d’insieme e come solisti insieme a tante scuole provenienti da tutta Italia: Pesaro, Pescara, Sarno, studenti di musica della Campania e dal Nord Italia. L’appuntamento è per il 7, 8 e 9 maggio al Polifunzionale Ischia. Non è stato facile organizzarlo, ma ci siamo riusciti anche stavolta nonostante tutto.»
Qualche esibizione estiva? «Sappiamo che ci vorrà del tempo per ritornare alla normalità, noi speriamo che quanto prima i nuovi progetti a cui stiamo lavorando vengano tutti realizzati. Di sicuro, con la Pro Casamicciola, celebreremo la Festa della Musica il prossimo 21 giugno, giorno del solstizio d’estate. Venite a sentirci, vi aspettiamo tutti.»

Annuncio
Tags

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close