CRONACAPRIMO PIANO

L’Eav è rimasta all’inverno, sull’isola è carenza di corse

Proteste degli utenti: in aumento il flusso di turisti, ma i collegamenti non sono stati aggiornati. Forse si attende l’assunzione degli stagionali

Ondata di proteste contro l’Eav. Il flusso turistico aumenta in maniera sempre più rapida, fin quasi a eguagliare i livelli degli anni scorsi, nonostante le norme anti-covid, ma gli orari predisposti dall’azienda di trasporto pubblico restano gli stessi dei mesi invernali. È chiaro che la quantità di utenti rende necessario un aggiornamento della tabella oraria. Le ultime corse in partenza dalla zona portuale sono previste alle 23.40, quindi i turisti che vogliono girare e visitare l’isola anche nelle ore notturne si trovano impossibilitati a reperire un mezzo pubblico per ritornare all’albergo o all’appartamento in cui soggiornano. La circostanza se possibile è ulteriormente aggravata dal fatto che, essendo quella delle 23.40 l’ultima corsa, viene costantemente presa d’assalto, mandando completamente all’aria qualsiasi parvenza di distanziamento fisico, che di norma deve persistere anche sui mezzi pubblici, mentre di fatto si assiste ogni sera allo spettacolo di utenti stipati come sardine in scatola, con tutti i rischi prevedibili.

A volte viene predisposta qualche corsa supplementare, ma senza una periodicità o una precisa regola, bensì soltanto quando vi è la possibilità. Anche coloro che devono recarsi nella zona di Cartaromana la situazione è critica: l’ultimo bus parte alle 22.20, e chi vorrebbe tornare al proprio hotel con i mezzi pubblici è invece costretto a prendere un taxi con le spese immaginabili. Stesso scenario per i Maronti, con il mezzo delle 23.05 che non è seguito da nessuna altra corsa, rendendo l’arenile baranese uno dei peggio serviti e costringendo i turisti a scegliere tra taxi e autonoleggio,coi costi della vacanza che lievitano notevolmente. Secondo le disposizioni dell’Eav, da lunedì sarebbero entrati in uso nuovi biglietti, cosa che impone l’installazione di nuovi apparecchi per obliterare i tagliandi sui bus, ma che non sono stati ancora montati: il mancato aggiornamento dei mezzi rende quindi ancor più disagevole e aleatorio la fruizione del trasporto pubblico. La mancanza di un orario estivo, forse, si spiega anche col fatto che l’azienda stanno rinviando per attendere l’assunzione di addetti stagionali, il cui ruolo è fondamentale per garantire un numero maggiore di corse. I mezzi pare ci siano, ma manca un numero sufficiente di autisti.

Articoli Correlati

Un commento

  1. EAV -schmeisst endlich dieses Unternehmen raus !!! Marode Busse, felender moderner Busbahnhof, schlecht ausgebaute Haltestellen, in den Bussen nicht funktionierende Anzeigentafeln, viele unhöfliche Fahrer, die ala Schumacher durch die Gegend rasen, ohne Rücksicht auf die Fahrgäste. So geht das einfach nicht mehr weiter!!! Wollt ihr in der Corona-Krise überleben? Wenn ja, schafft euch bitte einen gut funktionierenden Linienverkehr auf der Insel an!!! Dringend! Wir kommen im nächsten Jahr auch aus diesem Grund mit dem eigenen Auto von Berlin nach Ischia gefahren.
    Herzliche Grüße die Ianuschewi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close