ARCHIVIO 3ARCHIVIO 4ARCHIVIO 5

L’Epomeo e le sue voci, standing ovation per Lucianna De Falco

SERRARA FONTANA. Le straordinarie leggende del monaciello, raccontate dallo scrittore inglese Norman Douglas, e la suggestione di San Nicola, cui è dedicato l’eremo dell’Epomeo, in un testo inedito di Salvatore Ronga. E ancora: gli echi del filosofo Nietszche e la teoria della terra cava, secondo cui uno dei punti d’accesso al regno di Agarthi si trovi proprio a Ischia. L’attrice Lucianna De Falco ha accompagnato gli spettatori in un viaggio immaginifico tra parole e musica, “Letture dal Monte Epomeo”, eccezionalmente ospitato dalla chiesa di San Nicola, nel punto più alto dell’isola, a sua volta filo conduttore del percorso letterario accompagnato dalle note di Chopin e Tchaikovsky.
Emozioni e standing ovation nella chiesa gremita da escursionisti e spettatori per il reading inserito nell’ambito del cartellone di eventi “Dal Monte Epomeo al borgo marinaro di Sant’Angelo. Un viaggio tra arte, musica, cultura e tradizioni”, il progetto del Comune di Serrara Fontana finanziato dalla Regione Campania nell’ambito dei POC 2014-2020, che si articola – fino al 2 giugno – in una serie di iniziative in grado di esaltare enogastronomia e cultura di un territorio unico al mondo.
Lucianna De Falco è reduce dall’uscita fortunata del film “Terra Bruciata!”, distribuito dall’Istituto Luce, in cui interpreta la madre di una delle testimoni dell’eccidio nazista del primo novembre 1943 a Conca della Campania, nel Casertano. “Una storia urgente e necessaria, che mi ha coinvolto molto”, confessa l’attrice, impegnata anche nel cortometraggio “Do ut Des”, un’opera che racconta le molestie sessuali nei confronti delle donne, in concorso al festival “Tulipani di seta nera”.
Il cartellone del progetto “Dal Monte Epomeo al borgo marinaro di Sant’Angelo. Un viaggio tra arte, musica, cultura e tradizioni” era stato inaugurato dal successo de “Il percorso dei Pirati”: dalla piazza di Serrara, percorrendo l’antica mulattiera, un nutrito gruppo di escursionisti aveva raggiunto Sant’Angelo, e di qui – in barca – prima nella baia di Sorgeto e poi in località Fumarole, ai Maronti, dove aveva assistito alla celebre cottura delle uova sotto la sabbia.
Gli eventi proseguono sabato 5 maggio, alle 20.30, la piazzetta della frazione di Succhivo si anima nel segno di PietrArsa & Mbarka Ben Taleb. PietrArsa è un progetto di spettacolo, con una formazione diotto musicisti (Mimmo Maglionico, flauti, ciaramelle, sax, voce; Cristina Vetrone, voce, organetto, fisarmonica, tastiere, tammorra; Lorella Monti, voce, tammorre, castagnette; Carmela Di Costanzo, voce, castagnette; Nicola De Luca, Batteria, percussioni; Roberto Petrella, chitarra acustica, chitarra battente; Pasquale de Angelis, basso elettrico; Alfonso Laverghetta, tastiere); ad accompagnarli l’energia tunisina di Mbarka Ben Taleb.
Il 26 maggio, invece,  l’attrice e cantante Lalla Esposito, sarà in concerto nella piazzetta di Sant’Angelo alle 20.30. Infine, il 2 giugno – sempre a Sant’Angelo – il recupero del concerto di Raiz & Radicanto: l’anima migrante del primo, alias Gennaro Della Volpe, già celebre voce degli Almamegretta, si sposerà con la verve del gruppo popolare pugliese.

 

Articoli Correlati

0 0 voti
Article Rating
Sottoscrivi
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
Visualizza tutti i commenti
Back to top button
0
Mi piacerebbe avere i vostri pensieri, per favore commentatex