CULTURA & SOCIETA'TOP STORIE

L’intervista Fabio De Caro: «Un omaggio alla forza dell’isola, qui vorrei girare ancora»

Com’è nata l’idea de “La Fortezza” e cosa racconta?
All’indomani del terremoto del 2017 ho visto l’isola a svuotarsi e ho subito pensato di fare qualcosa per aiutare Ischia in un momento davvero difficile. La prima idea che mi è venuta in mente è stata realizzare un cortometraggio che avesse una storia compatibile con la bellezza e l’energia positiva che questo territorio sa sprigionare. Sono andato alla ricerca di fondi, collaborazioni e attori. Alla fine l’ho realizzato. “La fortezza” racconta un rapporto difficile tra un padre e figlio che l’isola, con la sua bellezza, la sua storia e la sua magia, riesce in qualche modo a ricomporre nell’arco di una giornata molto particolare. Un lieto fine per sottolineare la grande forza di questa terra e della sua gente, la capacità di resistere a eventi naturali come a tante vicissitudini storiche spesso drammatiche.

Altro ruolo su una paternità complicata è quello in “Un giorno all’improvviso” diretto da Ciro d’Emilio con Anna Foglietta.
Un film importante, presentato alla Mostra del cinema di Venezia, di cui sono molto orgoglioso. Ciro è un caro amico, mi conosce bene e mi ha diretto con molta semplicità. Anna è un’attrice bravissima, una faccia spettacolare che in questo film offre una prova fantastica. Il mio ruolo è quello di un padre che rifiuta questo figlio adolescente, anche se suo malgrado finisce per aiutarlo. Lo allontana dal posto in cui vive aprendogli le porte del calcio professionistico.

Come è riuscito a gestire la grande popolarità di Malammore, criminale in Gomorra? Quanto è complicato in una narrazione seriale distinguere tra attore e personaggio?
E’ stato difficilissimo. Ma a Malammore devo tanto, quasi tutto. E’ un ruolo che rifarei altre 100 volte, pur con tutte le implicazioni poco piacevoli che mi ha portato. E chiaro che adesso mi piacerebbe che conoscessero di più Fabio De Caro. Ci vorrà del tempo ma ci sto provando. Oggi Stefano Sollima, regista della serie, è avviato a una grande carriera internazionale. Com’è stato lavorare con lui, prima in ‘ACAB’, poi in ‘Gomorra’?
Sollima è un grande, soprattutto nel crime. Inseguimenti, sparatorie, azione sono iscritti nel suo dna. In questo campo è veramente un numero uno. Ci ha fatto lavorare tanto, anche 16 ore al giorno, un regista esigentissimo, attento a ogni dettaglio e sfumatura.  Sul set non ci si riposa mai, anche 25 ciak per una sola scena. Infatti dico sempre che ‘Gomorra’ ha dei tempi cinematografici, non televisivi. Un grandissimo pregio, oltre che una grande opportunità per un attore.
Del “Posto al sole” che mi dice?
Rientro domani. Anche quello di Gaetano Prisco è un personaggio negativo, tanto per cambiare. “Un posto al sole” è una grande famiglia, mi hanno accolto benissimo, sono sempre contento di ritornarci e lavorare con colleghi deliziosi.
Ma recitare in una commedia le piacerebbe?
Molto. La sento nelle mie corde, forse sono gli altri che non se ne accorgono.
Sposato con un’ischitana. E’ cambiato il suo modo di vedere l’isola?
Certo, ci si sente parte di una comunità ed è più forte la voglia di contribuire ad aiutare un’isola con una straordinaria vocazione turistica che deve assolutamente recuperare. Spero di poter realizzare presto un nuovo lavoro, anche più lungo e importante, su questa territorio. Magari un film per la tv. Ben vengano perciò produzioni come “L’amica geniale”, opportunità incredibili di diffondere il nome e le bellezze di Ischia dappertutto. Speriamo venga citata spesso, non come Muccino che ha girato qui “A casa tutti bene” ma Ischia non viene mai nominata.

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close