Statistiche
ARCHIVIO 3ARCHIVIO 5

Liquami a Panza, il cerchio si stringe: nel mirino tre abitazioni

Hanno ormai le ore contate i proprietari di tre abitazioni che si trovano nei pressi del campo sportivo “San Leonardo”, nella frazione di Panza. In seguito alle denunce apparse negli scorsi giorni sulle colonne del nostro quotidiano e ai rilievi effettuati martedì dall’Arpac, l’amministrazione comunale guidata dal sindaco Francesco Del Deo sarebbe finalmente vicina all’individuazione degli autori materiali degli sversamenti di liquami nocivi che hanno letteralmente invaso il piazzale antistante la struttura sportiva della frazione del Comune di Forio. Una vicenda che ha generato seri danni agli abitanti del posto, che per sfuggire al nauseabondo tanfo che si respira in quella zona hanno dovuto optare per una scelta drastica e radicale, ovvero quella di chiudere le persiane praticamente per tutta la giornata.

In queste ore negli ambienti comunali trapela un certo ottimismo. Il consigliere Cristian Castaldi, delegato alle problematiche della frazione, è stato tra i primi a farsi carico dei disagi patiti dalla popolazione panzese a causa dello sversamento abusivo di questi liquami, che rappresentano una terribile onta per un Comune come Forio, che vive essenzialmente di turismo e che pertanto non può permettersi “cartoline” così indecenti come quelle che potrebbero essere realizzate in questi giorni a pochi passi dal centro abitato di Panza. Immagini di sordido degrado che però, come riferito nell’incipit di questo servizio, avranno vita breve. C’è ancora massimo riserbo sulle identità dei panzesi incivili, ma grazie alla sinergia tra gli esperti dell’Arpac e i vigili urbani di Forio nelle prossime ore il cerchio potrebbe finalmente chiudersi e permettere al Comune di Forio di risolvere una volta e per tutte questo giallo.

Per i proprietari delle tre abitazioni che hanno sversato i liquami in strada in barba alle più elementari norme ambientali e di convivenza civile non scatteranno soltanto delle pesanti sanzioni pecuniarie. Infatti, come preannunciato dallo stesso consigliere Cristian Castaldi, in seguito alla compiuta individuazione dei panzesi “zozzoni”, gli stessi saranno deferiti alla Procura della Repubblica di Napoli, che successivamente procederà nei loro confronti.

Francesco Castaldi

Ads

Articoli Correlati

0 0 voti
Article Rating
Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Visualizza tutti i commenti
Back to top button
0
Mi piacerebbe avere i vostri pensieri, per favore commentatex