Statistiche
ARCHIVIO 3

L’isola e la festa dei donatori di sangue

di Sara Mattera

Grande festa quest’oggi per i donatori di sangue. Oggi pomeriggio, infatti, nel Comune di Lacco Ameno si terrà la 28esima edizione della festa del donatore del sangue. Un appuntamento tradizionale questo, per i tanti cittadini di Ischia che ogni anno donano il proprio sangue contribuendo a salvare vite umane, grazie anche all’associazione ADVS Fidas di Ischia che da anni opera sul territorio isolano.  Ed è  grazie infatti anche all’operato dei volontari e all’impegno profuso dal presidente  dell’associazione, Luigi Trani, che Ischia è riuscita a raccogliere, durante il 2015, ben 869 sacche di sangue, superando così le 771 donazioni dell’anno precedente.  Un traguardo importante questo per l’isola che ha chiuso il 2015, quindi, con circa 800 donatori, grazie ai quali la fidas isolana potrà, finalmente, accedere al Registro delle Associazioni dei Donatori di Sangue. La Regione Campania, infatti, è l’unica regione italiana che richiede l’obbligo di iscrizione da parte delle associazioni di volontariato al suddetto Registro con una serie di vincoli annessi e connessi. Quali, per l’appunto quello del numero minimo di 800 donatori che è la condizione necessaria, da parte delle associazioni, per poter continuare ad esistere e mantenere la propria autonomia. In caso di mancata ottemperanza di tali requisti, infatti, le associazioni sono costrette ad accorparsi o ad altre, oppure a proclamare il proprio scioglimento. Un problema questo che, fortunatamente, per Ischia non  sussiste e durante i dodici mesi appena trascorsi si è riusciti a raggiungere il tanto atteso numero di donatori. Già lo scorso anno, infatti, Luigi Trani, durante la celebrazione del 40esimo anno di attività della Fidas, aveva preannunciato che l’obiettivo primario per il 2015 sarebbe stato proprio quello di riuscire ad incrementare il numero dei donatori, al fine di poter  continuare ad organizzare, in modo autonomo, le raccolte di sangue senza dover dipendere da nessuno e  evitare, al contempo, la possibilità di incorrere in situazioni spiacevoli che non permettessero il regolare svolgimento dell’attività. Proprio come accadde nel 2014, quando alcuni appuntamenti dedicati alla raccolta di sangue saltarono a causa dell’ospedale Rizzoli di Lacco Ameno, al quale la Fidas ischitana e’ stata costretta, per lungo tempo, a fare riferimento. Il Rizzoli, all’epoca dei fatti cancellò alcuni appuntamenti per le donazioni, non potendo fornire il personale sanitario per lo svogimento del servizio. Una situazione questa che fece scoppiare una bufera e fece intervenire anche il Consigliere Comunale di Ischia, Ciro Ferrandino che indirizzò una lettera al presidente della Regione Campania e a chi di competenza nel settore per far si che le donazioni annuali isolane non venissero a mancare.  Fortunatamente, però, la situazione si è risolta nel migliore dei modi, grazie anche all’impegno profuso dai membri della Fidas di Ischia e durante questo 2015, appena conclusosi, non ci sono stati enormi problemi. Anzi, il numero dei donatori isolani è aumentato sensibilmente. Ed è grazie proprio ai donatori isolani che Ischia ha potuto raggiungere un traguardo così meritevole e, proprio per questo motivo,  questo pomeriggio,7 tutti i donatori riceveranno premi di benemerenze: circa un ottantina tra uomini e donne che in questo 2015, ma anche negli anni passati hanno contribuito a donare il proprio sangue a migliaia di persone. Ricordiamo, infatti, che il fabbisogno di sangue non si verifica solo in casi di prima necessità come incidenti, o interventi chirurgici, ma anche nella cura delle malattie come tumori, leucemie, anemie e trapianti di organi. L’evento di oggi, quindi, sarà una buona occasione per dare un pubblico riconoscimento ai cittadini che si sono distinti nella loro opera di donazione e festeggiare i traguardi raggiunti. Si comincerà alle 17,30 con la santa messa officiata dal parroco Don Gioacchino Castaldi presso la chiesa di Santa Maria delle Grazie di Lacco Ameno e si proseguirà, poi, alle ore 19.00 con un la manifestazione vera e propria a cui parteciperanno  le autorità civili locali, il Lions Club di Ischia e il presidente dell’Advs Fidas di Ischia, Luigi Trani. Il tutto si concluderà con un brindisi, con l’augurio che questo 2016 sia altrettanto soddisfacente per la raccolta di sangue.

Articoli Correlati

0 0 voti
Article Rating
Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Visualizza tutti i commenti
Back to top button
0
Mi piacerebbe avere i vostri pensieri, per favore commentatex
()
x