CRONACA

L’isola, il covid e il “balletto” dei numeri

Ieri censiti 44 nuovi positivi, ma una buona parte sono già stati contati nel bollettino di giovedì: ma la curva è comunque in aumento e oggi è atteso l’esito di altri 170 tamponi “made in Ischia”

L’Asl pareva aver rimesso le cose a posto, ma evidentemente era soltanto una pia illusione. Nell’edizione di ieri del nostro giornale, forti anche del report fornito dall’azienda sanitaria locale che aggiornava la mappatura dei contagi – relativi alla seconda ondata – di Covid-19 nei Comuni della Provincia di Napoli, eravamo riusciti a tirare le somme della diffusione del terribile virus anche nei sei Comuni della nostra isola. Ma nella giornata di ieri siamo tornati ai livelli di quello che scherzosamente abbiamo definito già in un recente passato “caos organizzato”, con una serie di numeri che francamente restano davvero difficile da decifrare. Vorremmo partire dicendo che andiamo con ordine, ma la verità è che qui un ordine proprio non c’è. Proprio fondi dell’ASL riferiscono che nella giornata di ieri ad Ischia si sono registrati 44 nuovi casi di positività al covid, dato statistico preoccupante e che rappresenta un picco mai raggiunto in questa seconda ondata. Ma il problema è che una fetta consistente di questi numeri sarebbe già stata censita (almeno da noi giornalisti, e pensare che una volta giocare d’anticipo in questo mestiere era un valore aggiunto…) nella giornata di giovedì.

I casi in questione che andrebbero sottratti sono 18, il che vuol dire che c’è uno scarto di 26 nuovi contagi al coronavirus. Ma facendo la solita “questua” telefonica Comune per Comune non si capisce dove debbano essere “geograficamente” collocati i casi in questione. Vuoi vedere che ce li troviamo nel bollettino di oggi? Una situazione a dir poco surreale, ma al netto di questo l’isola continua a vivere la seconda ondata della pandemia su un duplice binario: da una parte i contagiati salgono, dall’altra l’ospedale Rizzoli continua a non avere alcun problema di tenuta né tantomeno ricoverati in condizioni serie o da monitorare. Detto che i debiti scongiuri sono autorizzati, nella giornata odierna dovrebbero arrivare i responsi per altri 170 tamponi processati nelle ultime 48 ore. Sarà un importante banco di prova per capire se la cosiddetta curva è destinata a salire anche su questo piccolo lembo di terra.

Articoli Correlati

Rispondi

Back to top button