ARCHIVIO 4ARCHIVIO 5

L’isola riparte dal sorriso dei bambini, tutti uniti al Rispoli nel segno della solidarietà

di Isabella Puca
Ischia – Hanno risposto in tanti all’evento pensato per donare un sorriso ai bambini colpiti dal sisma dello scorso 21 agosto. Tutti loro, insieme ai genitori e ai tanti amici, hanno risposto con gioia all’appello delle ludoteche e dei centri di animazione per l’isola che si sono uniti per dar vita a un evento di giochi e spensieratezza tenutosi mercoledì scorso al campo “Vincenzo Rispoli”. Con loro anche il gruppo de “La borsa verde 2.0” che ha realizzato un gustoso buffet e alcune associazioni sportive dell’isola. «La manifestazione – ci ha spiegato Vito Maria Impagliazzo a nome degli organizzatori – è nata per aiutare e sostenere i bambini colpiti dal terremoto. Abbiamo invitato loro e tutti gli altri bimbi di Ischia perché è una festa con l’intento anche di raccogliere fondi da destinare a chi oggi non ha più una casa. SI sono uniti tutti i centri per bambini dell’isola, tra ludoteche e agenzie di animazione, e ognuno ha proposto diverse attività con laboratori di manualità, trucca bimbo, il teatrino dei burattini, animazione e un punto dedicato alla lettura». Un pomeriggio trascorso come se niente fosse successo, almeno per i bimbi, che hanno potuto giocare, correre e divertirsi liberamente. In un angolo è stato adibito un punto d’ascolto con diversi psicologi e un info point per raccogliere i dati dei bambini e offrire loro la possibilità di frequentare una di queste ludoteche gratuitamente. Tanti anche i genitori presenti, c’è chi in disparte si lascia andare a qualche lacrima mentre racconta ciò che gli è accaduto. Ci si scambiano informazioni su quella notte e sulla situazione attuale, chi dorme in albergo e chi, invece è in affanno nel cercare una nuova casa. «Sono moltissime le richieste d’ascolto, – ci ha raccontato la dott.ssa Laura Pane – siamo diversi gruppi di psicologi e ci siamo messi in rete smistando le richieste. Accogliamo le persone al centro papa Francesco, ma stiamo facendo anche visite domiciliari per minori e per nuclei familiari completi. I bambini sono quelli più colpiti dall’evento, ma ci riservano tante sorprese; hanno un funzionamento più semplice del nostro e maggiore capacità di adattamento. Alcuni genitori sono preoccupati perché li vedono colpiti da una rabbia dirompente, ma sono comportamenti normalissimi per il post trauma, imputabili al fatto che non riescono a dare giusta verbalizzazione alle emozioni, non sanno distinguere cosa sta accadendo dentro». A fine evento l’intervento di Matteo Di Meglio, uno dei musicisti più quotati dell’isola, che la notte del sisma ha perso la casa e il negozio di musica. I cittadini colpiti dal sisma si sono, infatti, uniti nel comitato “Risorgeremo nuovamente” e hanno istituito un codice Iban – IT13M0312739930000000003047 – per chiunque volesse dare una mano. Gli aiuti economici saranno utilizzati per tutti coloro la cui casa è stata dichiarata inagibile dai comuni di Casamicciola, Lacco Ameno e Forio. «Siamo 1500 sfollati, ci stiamo impegnando, ci stiamo mettendo la faccia. Abbiamo bisogno del vostro aiuto perché davvero non abbiamo più niente. Siamo 60mila abitanti e se ognuno di noi mettesse anche solo un euro per tutti noi rappresenterebbe tantissimo».

Articoli Correlati

Rispondi

Back to top button