Statistiche
ARCHIVIO 2ARCHIVIO 5

L’Italia e la sua Liberazione, 72 anni dopo ecco quello che non è cambiato

Siamo al 72° anniversario dalla liberazione dell’Italia e dell’Europa dalla tragedia storica del fascismo e del nazismo, ma da allora sul terreno sociale nulla è cambiato, perché il capitalismo e l’imperialismo, che generarono quel disastro umanitario, dopo essere riusciti, coi meschini tradimenti interni al movimento comunista e operaio nazionale e internazionale, a distruggere l’Unione Sovietica e l’intero mondo socialista realizzato nel secolo scorso, hanno ripreso a dominare assoluti il Pianeta determinando le nuove tragedie di oggi, anche perché per i coerenti comunisti e la classe operaia emancipata la Resistenza combattuta nel periodo 1943-1945 nel suo insieme non fu una rivoluzione proletaria socialista, il cui obiettivo fu sabotato dalle stesse forze politiche e militari della borghesia repubblicana e progressista che pure l’avevano combattuta e vinta.

Purtroppo furono sconfitti il fascismo e il nazismo di quel periodo, ma non il capitalismo e l’imperialismo economico, politico e militare che li avevano imposti per sopravvivere alla prima ondata delle rivoluzioni proletarie socialiste per eliminare ogni ingiustizia sociale e costruire il nuovo mondo socialista. Così dopo lunghi e tragici 72 anni le condizioni di vita dei popoli non sono cambiate rispetto ad allora, ma solo peggiorate in privazioni e tragedie d’ogni genere. Il mostro dai mille tentacoli che strozza in ogni ora del giorno l’esistenza dell’umanità intera si chiama capitale monopolistico; sistema bancario mondiale, capeggiato dalla Banca Mondiale, Fondo Monetario Internazionale, Banca Centrale Europee, tutte private; strozzinaggio bancario; Agenzie di Rating, cioè Agenzie di valutazione delle società emittenti titoli sul mercato finanziario; libero mercato; concorrenza spietata e senza limiti; mercato finanziario; accentramento della ricchezza e della produzione; globalizzazione della produzione e dello sfruttamento del lavoro; dittatura dell’informazione e della formazione dell’opinione pubblica, affidata rigorosamente a conduttori e commendatori del regime e della dittatura politica e sociale dominante; eccetera.

Le conseguenze distruttive del dominio capitalistico e imperialistico sulla Terra diventano sempre più annientatrici dei bisogni di vita e della stessa sopravvivenza del genere umano, tra cui: il diffuso disagio sociale, tra cui quello giovanile senza prospettiva di lavoro e di dignità esistenziale; la disoccupazione dilagante; le iniquità in tutti i settori sociali; la ricchezza socialmente prodotta è nelle mani di pochi parassiti capitalisti, che gozzovigliano sulla fame del popolo; i ghetti abbandonati e invivibili delle periferie delle grandi metropoli; la prostituzione come fuga dalla miseria; la povertà che affligge, spinge alla disperazione e a procurarsi il cibo in qualsiasi modo possibile; le emigrazioni in massa di popoli alla ricerca di cibo e di una vita meno disperata; l’impossibilità della civile e umanitaria integrazione tra popoli ed etnie diverse; le guerre capitalistiche e interimperialistiche che assassinano le masse proletarie e popolari di intere nazioni; il mercato delle droghe; le mafie dalle mille facce, bene allevate dalla rapina capitalistica del frutto del lavoro altrui, attraverso lo sfruttamento che produce profitti; i ricchi hanno i soldi per curarsi e il popolo muore per la scarsa assistenza sanitaria pubblica; un potere politico e istituzionale della borghesia di destra, centro e centrosinistra soffocante e repressivo dei diritti e dei bisogni popolari, potere posto al servizio del capitale monopolistico bancario e finanziario; il terrorismo dalle tante facce – reazionario, religioso ed economico-finanziario -, che è l’ultima scellerata e universale conseguenza dell’infame ordine sociale dello sfruttamento e arricchimento padronale.

Dinanzi a questo mondo di ignobili disuguaglianze, discriminazioni, insicurezza della vita, apprensioni continue, che generano pure patologie cardiache, psichiche, diabetologiche e altre, indigenza e conseguente umiliazione dell’esistenza umana di masse sterminate di uomini e donne, di popoli e minoranze etniche, è riduttivo, per i coerenti comunisti e la classe operaia emancipata, difendere solamente la memoria storica della Resistenza antinazi-fascista, marciare o esaltarla semplicemente nei discorsi, come puntualmente avviene da 72 anni, senza rapportarla alla tragica realtà di oggi e porsi il problema della sua continuità e del suo completamento storico con gli strumenti politici, organizzativi e di lotta che ne garantiscano la vittoria e il raggiungimento degli obiettivi da raggiungere, consistenti nella conquista del potere e del governo proletario della società.

Il capitalismo e l’imperialismo, che circa un secolo fa gestirono e partorirono il fascismo e il nazismo per difendersi dall’avanzata del potere proletario in Europa, attualmente impongono la stessa politica economica e sociale repressiva di allora, ma lo fanno coi loro governi borghesi e con metodi e mezzi solo apparentemente meno spietati, perché la protesta proletaria è ancora debole e per loro non rappresenta un pericolo immediato di sopravvivenza. Fascismo economico, politico e repressivo era ieri e tale è oggi, è cambiata la forma ma non il contenuto. La repressione della protesta di classe del proletariato è sempre pronta e spietata. Lo vediamo nelle dure vertenze di lavoro e di difesa del patrimonio ambientale da parte del movimento operaio e progressista nei confronti degli affari speculativi delle multinazionali dell’energia e del trasporto terrestre,

Ads

Oggi la Resistenza di 72 anni fa si chiama Rivoluzione proletaria socialista, l’unica che può liberare l’umanità dai mali denunciati, che può mettere fine ai governi borghesi, clericali e capitalistici dello sfruttamento e della repressione del movimento operaio e delle masse popolari, che può seppellire per sempre il pericolo delle efferatezze passate e presenti del fascismo e del nazismo, che può abbattere il sistema di rapina capitalistico e imperialistico, che può sconfiggere il potere economico e politico del capitale monopolistico con tutte le tragedie di cui ha coperto e copre la superficie terrestre, che può conquistare il potere alla classe lavoratrice operaia e intellettiva, che può liberare il lavoro dallo sfruttamento padronale determinando le condizioni per garantirlo a tutti e avviare la costruzione della società socialista lungo la strada che conduce all’edificazione di quella comunista.

Ads

Oggi questo è il nostro 25 aprile della Resistenza e della Guerra Civile di Liberazione festeggiato il 25 aprile 1945, è il 25 aprile per la Rivoluzione proletaria socialista in Italia, di cui già ne abbiamo tracciato le linee strategiche e tattiche, è il 25 aprile della riconoscenza rivoluzionaria ai martiri di quella eroica e gloriosa epopea ed è il 25 aprile dell’impegno ideologico e politico del Partito Comunista Italiano Marxista-Leninista di lavorare instancabilmente per avvicinare il momento della conquista del potere proletario socialista in Italia.

Domenico Savio

Segretario generale del P.C.I.M-L.

domenicosavio@pciml.org

Articoli Correlati

0 0 voti
Article Rating
Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Visualizza tutti i commenti
Back to top button
0
Mi piacerebbe avere i vostri pensieri, per favore commentatex
()
x