LE OPINIONI

LO DICO A IL GOLFO Ischia e quelle terme chiuse

Spettabile redazione de Il Golfo, pur non essendo un’ischitana – se non di adozione- mi permetto di condividere con voi alcune considerazioni. Premetto che sono arrivata a Ischia, con mio marito, un po’ “per caso”, incuriosita dalle terme, nel settembre del 1991. Quella prima volta fu per noi un vero un colpo di fulmine con la durata, però, di un grande amore…Tornati tutti gli anni più volte all’anno, finché una dozzina di anni fa abbiamo coronato il sogno di acquistare una casa sull’isola. In questi giorni, mentre mi apprestavo a preparare le valigie per venire a trascorrere le festività pasquali, ho appreso con vera sorpresa, che tutti i parchi termali saranno chiusi e apriranno soltanto alcuni verso la fine di aprile, altri addirittura dopo. Dal momento che leggo spesso il vostro giornale online, registro ripetute lamentele e preoccupazioni da parte di albergatori, rappresentanti di categoria e altri ancora. Preoccupazioni relative al ‘futuro’ dell’isola, alla ‘qualità’ del turismo, alle iniziative per rilanciare e via discorrendo.

Mi permetto di osservare che il fatto che il luogo termale per eccellenza del nostro Paese chiuda tutti i battenti per 6-7 mesi all’anno mi pare proprio un controsenso. Al Nord, dove io abito normalmente, decine di stazioni termali e di centri Spa sono regolarmente aperti tutto l’anno, nonostante le temperature certamente non siano paragonabili a quelle di Ischia. E si trovano ai piedi di montagne, a bordo di laghi, addirittura in mezzo alla neve. Mi ha sempre stupito la stagione ‘corta’ dei centri termali ischitani, come se il loro beneficio e la loro fruibilità fossero  legati alla possibilità di balneazione. Ma le terme sono un’altra cosa! A meno che non si vogliano ridurre i parchi termali a parchi acquatici (spero proprio di no). Non intendo certo insegnare il mestiere a chi si occupa di turismo, servizi alberghieri e servizi in genere, nè tantomeno sostituirmi a chi a Ischia è nato e lavora, ma mi permetto di osservare che tanto ben di Dio come avete nella vostra bella isola dovrebbe essere valorizzato e proposto tutto l’anno.

A Pasqua potremo fare qualche passeggiata in riva al mare, potremo assistere alla Corsa dell’Angelo a Forio, potremo cenare in qualche ristorante (se aperto) ma questo potrà bastare a chi come noi ha un legame profondo e duraturo con il luogo, ma non certo, credo, a chi arriva per la prima volta e si vede privato di un aspetto caratterizzante.  Auguro a tutti Buona Pasqua e porgo cordiali saluti.

MARTA CERESINI – PARMA



Ads

Ads

Articoli Correlati

0 0 voti
Article Rating
Sottoscrivi
Notificami
guest

11 Commenti
Più vecchio
Più recente Più Votato
Inline Feedbacks
Visualizza tutti i commenti
Ale

Da Ischitana sono assolutamente d’accordo con la signora… l’inverno è il periodo più bello per beneficiare dell’acqua termale e potrebbe dare spunto a molti turisti a frequentare l’isola anche in bassa stagione… assurdo poi che durante le festività Pasquali, siano ancora tutti chiusi.

Lucia65

Perfettamente d’accordo con lei e con la signora Marta. Oltretutto negli ultimi anni offriamo solo degrado: strade sporche e piene di erbacce. Asfalto che sembra un colabrodo, prezzi altissimi…. e chi più ne ha più ne metta! Una domanda sorge spontanea: ma come mai le persone vengono ancora ad Ischia? Mah….

Rossy

E penso pure che la signora Marta di Parma non ha bisogno di nessun avvocato difensore.

Lucia65

Mi sa che lei nn ha la benché minima idea di cosa possa significare “dibattito”, “scambio di idee” e “libertà di esprimere le proprie opinioni” in “democrazia”.

Rossy

Cara Marta di Parma mi verrebbe da dire, ma perché le terme non le fa nella sua città del nord dove non chiudono mai? Ischia vive di turismo si sa, è un’isola stupenda, in molti vengono e ne restano affascinati ma poi ritornano nel loro paesello. Ci sta chi è più fortunato e vivendo al nord può permettersi di avere una casa di proprietà a Ischia e venirci a passare giorni o mesi senza problemi. Ora veniamo alle terme chiuse che a lei interessano molto. Fossero solo le terme il problema. A Ischia c’è molto ma molto di più, solo che non è tanto perfetta ( dappertutto è così ). Il legame profondo che dice di avere io non lo vedo. Avere un legame profondo per me vuol dire starci dentro, viverci giorno dopo giorno con il sole e con la pioggia. P.S. non sono ischitana ma ci abito e ci vivo tutti i giorni.

Lucia65

Ed io, da ischitana, “cara” Rossy, dico che lei è molto maleducata nel rispondere così ad una persona che ha espresso un suo parere, peraltro corrispondente al vero, ed io, mio marito e tantissimi amici nostri ne abbiamo sempre parlato e notato questa “incongruenza”. Ha ragione la sig.ra Marta, in luoghi dove il clima non è favorevole così come quello che c’è ad Ischia, le Terme sono aperte tutto l’anno (proprio ieri sera su RAI 3 nella trasmissione “Generazione Bellezza” hanno parlato di Montegrotto Terme, se può e nn l’ha vista se la veda). Anche noi nn capiamo (ma la spiegazione c’è, lo so!!…) perché gli albergatori decidono di restare chiusi in periodi “caldi” come quello della Pasqua. Aggiungiamo che più si va avanti e meno l’isola “offre”. In giro si vede solo degrado, cosa offriamo ai nostri turisti? Solo prezzi altissimi (vedi in primis i rincari dei traghetti). Sarà per questo che ultimamente è l’isola di Procida la più gettonata?

Rossy

Ognuno ha il diritto di dire la sua e non sono stata per niente maleducata cara Lucia65. Se solo avessi voluto esserlo avrei elencato parole appropriate. La maleducazione è tutta un’altra cosa. Per quel chei riguarda ho detto solo la verità. Poi per quanto riguarda le terme che io sappia e ne ho avuto prove stanno aperte anche a dicembre. La signora di Parma forse fa confusione tra terme e strutture con terme tipo negombo, castiglione etc. È normale che queste strutture in inverno stanno chiuse. Anche diversi ristoranti, alberghi e altro in inverno stanno chiusi. Gli ischitani questo lo sanno benissimo. Ischia vive di turismo.

Ale

Non si può pensare di vivere di rendita soltanto perché il posto è bello… c’è ne sono tanti di posti belli… vanno offerti servizi e lì che si conquista il cliente..proprio perché siamo un’isola turistica impariamo ad accogliere e non solo a pretendere. Amo la mia isola, ma tante troppe cose andrebbero sistemate … è come avere una super villa, abitarla e non occuparsi mai della manutenzione, basterebbero pochi anni per trasformarla e questo è quello che accade qui..

Rossy

Infatti, la super villa è Ischia, la si abita senza averne cura. Basterebbe veramente poco per renderla un paradiso.

Uno qualsiasi.

Questo articolo sta andando avanti con botta e risposta. Non state facendo altro che lottare a chi si vuol mettere sopra, ho ragione io, hai ragione tu. E basta, ora rispondo io specialmente alla Lucia65. Lei parla di democrazia? Non mi pare proprio. Ognuno ha libertà di parola.

Beta

Elementare caro Whatson, elementare!
Con tutti i soldi buttati in bonus edilizi, ad Ischia i parchi termali ed i grandi alberghi, avrebbero dovuto adeguarsi per il termalismo invernale, invece di andare in letargo e poi lamentarsi che la stagione turistica è troppo breve.
Chi ha i denti non ha il pane…e viceversa!

Pulsante per tornare all'inizio
11
0
Mi piacerebbe avere i vostri pensieri, per favore commentatex