LE OPINIONI

LO DICO A IL GOLFO Quei continui disservizi all’Intesa San Paolo di Forio

Sono mesi, ormai che la Banca Intesa San Paolo di Forio è nell’occhio del ciclone; da quando è stata chiusa la Filiale di Panza d’Ischia. Questo comporta che tutta la clientela del versante sud ovest dell’isola si riversa a Forio, con tutte le conseguenze del caso: lunghe file ed assembramenti all’esterno della stessa. La cosa grave è che nella Banca di Forio, nonostante l’arrivo del personale distaccato da Panza, funziona sempre una cassa di movimentazione. Questo stato di cose è stato stigmatizzato da più clienti sulla stampa locale (Teleischia, il dispari, Ischiareporter). Un cliente, in particolare, in data 3 agosto c.a., presentava, tramite e-mail, reclamo presso l’Ufficio Assistenza reclami Intesa San Paolo di Torino. Detto reclamo trovava risposta, tramite medesimo mezzo, solo in data 26 agosto ore.22,58 e solo dopo che, il cliente, nella stessa mattinata del 26 agosto 2021, aveva riproposto un nuovo reclamo. La risposta era afferente al primo reclamo presentato datato 3 agosto. Il giorno successivo (27 agosto ore 22.59) arrivava una conferma anche di risposta per il secondo reclamo. Inutile parlare della risposta ricevuta; contiene solo PAROLE, PAROLE, PAROLE. La stessa, per la privacy, non può essere divulgata.

In verità, in data 4 agosto il cliente riceveva una telefonata da parte del Direttore della Filiale di Forio il quale, rammaricandosi dell’accaduto, chiedeva suggerimenti all’interlocutore per una migliore funzionalità del servizio. Il cliente suggeriva la creazione di una seconda cassa di movimentazione e l’utilizzo di un macchinario (come negli uffici postali) per la prenotazione o, nell’impossibilità, l’utilizzo di una persona (dipendente, guardia giurata ecc.) addetta alla bisogna. Il Direttore dava la sua disponibilità ed aggiungeva che il compito della Banca (delle Banche in generale) sarà quello di educare la clientela a non entrare più negli uffici per operazioni di movimentazione (prelievo/deposito) ma di utilizzare gli appositi sportelli automatici, i punti Mooney convenzionati e le rivendite autorizzate. E chiaro che questa risposta non era di gradimento all’interlocutore il quale precisava che le banche non possono vietare alla clientela, che lo desidera, il prelievo/deposito presso gli sportelli. In data 30 agosto perveniva al cliente, con numero SCONOSCIUTO, una telefonata (interamente registrata) da parte di una dipendente del Banco che chiedeva delucidazioni sull’accaduto ed, in linea di massima, confermava quanto asserito dal Direttore. Ancora stamani vi erano persone, in attesa, esterne alla Banca (anche se in numero ridotto) ed in funzione la sempre unica cassa di movimentazione.

Il cliente in questione,

PIETRO COPPA

Ads

Articoli Correlati

0 0 voti
Article Rating
Sottoscrivi
Notificami
guest

1 Comment
Più vecchio
Più recente Più Votato
Inline Feedbacks
Visualizza tutti i commenti
paul

“il ruolo della banca sarà quello di educare…” questo direttore ritiene di avere un ruolo pedagogico! Cose e pazz

Pulsante per tornare all'inizio
1
0
Mi piacerebbe avere i vostri pensieri, per favore commentatex