LE OPINIONI

LO DICO A IL GOLFO Rivedere i limiti di velocità ed integrare la segnaletica della sopraelevata

Accogliamo con soddisfazione la notizia dell’installazione sulla Variante Esterna S.S. 270 (detta comunemente soprelevata) di un autovelox che stavolta, opportunamente e diversamente dai semplici rilevatori di velocità già presenti, sanziona la condotta irregolare eccessivamente ricorrente di chi non rispetta il limite di velocità di 50 kmh per quel tratto di strada. Teatro di troppi incidenti, spesso mortali, quel tratto di strada merita la giusta attenzione e sorveglianza.

Al riguardo è però giusto segnalare alcune incongruenze che rendono i limiti apposti difficilmente rispettabili se non addirittura pericolosi. Percorrendo infatti la sopraelevata in direzione Casamicciola Terme, superato il tratto rettilineo ove giustamente ed in maniera più che congrua vige un limite di 50 kmh, arrivati all’altezza della seconda galleria prima del parcheggio Guerra si trova, improvviso un limite di 30 kmh. Facilmente verificabile è la difficoltà e pericolosità del dover passare repentinamente da una andatura di 50 ad una di 30 quasi costringendo ad “inchiodare”.

Paradossalmente, nel senso opposto, vige il problema opposto: avviandosi infatti verso la rotonda oramai in fase di completamento, il giusto limite di 50 kmh vige finanche quando si imbocca la rotatoria con palese eccesso di velocità per chi deve invece concedere la giusta precedenza nel rispetto delle regole della rotatoria. A ciò si aggiunga che non vi è alcun dissuasore o segnale che annunci il sopraggiungere della rotatoria in quel senso di marcia e non poche volte si vedono arrivare veicoli a velocità troppo sostenuta per il rispetto della dovuta alternanza nella circolazione in rotatoria, sebbene paradossalmente nel rispetto dei limiti vigenti.

A ciò si aggiunga il grave problema dei diversi varchi presenti sulla sopraelevata e della difficoltà oggettiva di rispettare la doppia striscia continua per chi deve accedere a detti varchi. Questione che già sollevammo nel 2020, suggerendo la creazione ove possibile di minirotatorie che consentissero il cambio di corsia in sicurezza e fluidità, senza che però si sia ancora fatto alcunché al riguardo.

Segnaleremo tali circostanze alle Autorità preposte speranzosi che si continui con ancora più convinzione nella giusta politica di sicurezza stradale e di vivibilità del territorio.

Ads

Il Comitato La Strada del Buonsenso

Ads

Articoli Correlati

0 0 voti
Article Rating
Sottoscrivi
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
Visualizza tutti i commenti
Back to top button
0
Mi piacerebbe avere i vostri pensieri, per favore commentatex