ARCHIVIO 4ARCHIVIO 5

L’odore del mare, ad Ischia la presentazione del documentario

Venerdì 30 dicembre alle ore 16:00 verrà presentato il documentario realizzato dal direttore artistico dell’Ischia Film Festival Michelangelo Messina “L’odore del Mare: il carcere di Procida”.

Il lavoro sarà proiettato nel nuovo centro culturale “Navigando verso Aenaria” in Via S.G.Giuseppe della Croce, nel cuore di Ischia Ponte, dove sarà presente anche il dott. Giacomo Retaggio che racconterà aneddoti e curiosità del carcere di Procida. Alla presentazione interverranno anche, l’assessore comunale di Ischia, Carmen Criscuolo, e l’assessore comunale di Procida, Antonio Carrannante.

“L’odore del mare” fa parte del progetto “Carceri sul mare”, una trilogia di documentari realizzati in tre diversi carceri internazionali uniti dalla posizione sul mare che si sono differenziati per il regime politico con cui sono stati gestiti. Oltre al carcere di Procida (Italia) sono previsti altri due documentari che saranno realizzati nel carcere di Tallin (Estonia) e in quello di San Quintino (Stati Uniti). Il progetto mira a far conoscere le diverse tipologie di sistema carcerario nel mondo e nel contempo una ri-scoperta dell’identità territoriale da sempre uno degli obiettivi principali dell’Ischia Film Festival e del progetto per il recupero dell’identità del luogo “Cinema & Territorio”.

 

A seguire, sempre per le strade del borgo, vi sarà la terza ed ultima giornata dell’evento “Squarci di buon gusto ad Ischia Ponte” con le degustazioni di prodotti tipici ischitani a partire dalle ore 17.00.

 

 

 

L’OPERA

Il documentario è stato girato quando il carcere era ancora in stato di abbandono, racconta la storia del penitenziario più antico del golfo partenopeo, a strapiombo sul mare, dove il dott. Giacomo Retaggio, attraverso i suoi ricordi, svela la storia del carcere e gli anni passati al suo interno come medico. Il progetto a Procida è stato realizzato dall’Associazione Culturale Art Movie & Music in collaborazione con la Ischia Film con il contributo dell’Istituto Luce-Cinecittà.

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close