CRONACA

Manca poco per il “ponte più lungo della storia”

Per l’isola sarà la prova generale per la nuova stagione turistica

È scattato un vero e proprio countdown per quello che si prospetta come il ponte più lungo della storia: dal 18 (giovedì santo) al 2 maggio per i più audaci, al 29 aprile per chi non vuole esagerare. Ecco il perché. La Pasqua nel 2019 è “alta”, il 21 aprile. Le vacanze cominciano generalmente il giovedì 18, poi c’è il lunedì dell’Angelo il 22 aprile e si tornerebbe a scuola il 24 (mercoledì) ma giovedì è la festa della repubblica (25 aprile) e poi c’è venerdì e di nuovo weekend. Peccato che lunedì 29 e martedì 30 servano a introdurre un’altra festa, il Primo maggio. Sono molte le scuole che hanno autorizzato il triplo ponte. Per gli studenti campani saranno almeno 11 giorni, se comprendiamo anche la domenica, senza lezioni. E dietro l’angolo c’è anche il primo maggio, che arriverà due giorni dopo il rientro a scuola. Ma non sono solo gli studenti a far festa. Il lungo ponte è anche l’occasione per dare il via alla stagione turistica del 2019. Si tratterà di un primo periodo in cui i vacanzieri affolleranno l’isola. Una ‘prova generale’ prima dell’estate. Ed allora queste ultime settimane servono agli albergatori per mettere a posto le strutture per rendere accoglienti all’arrivo dei turisti. Per gli amministratori locali un momento per dare un’accelerata ai cantieri, provvedere alla manutenzione di strade e verde e rendere migliore l’isola all’arrivo dei turisti. 

“Al momento ci sono più prenotazioni per il ponte del ponte del 25 aprile piuttosto che per i giorni delle festività pasquali”. Annuncia il presidente di Federlaberghi Ischia Luca D’Ambra, che spiega: “C’è una tendenza positiva per l’avvio della nuova stagione turistica anche se è tutto ancora altalenante. Si prevede tanta occupancy per il weekend del 25 aprile e meno presenze per il ponte del primo maggio. Di certo sarà un buon 25 aprile per gli albergatori piuttosto che una buona Pasqua”. Secondo il presidente dell’associazione datoriale: “Le prenotazioni, comunque, ci sono state anche se in misura minore rispetto alle aspettative. Considerando che quest’anno la Pasqua è alta, ovvero, il 21 aprile, ci aspettavamo un maggior numero di turisti. Ma non vogliamo fasciarci la testa né lamentarci. Ci aspettiamo che arrivino altre adesioni last minute affinchè cominci bene la stagione turistica 2019 per gli albergatori dell’isola”. 

“Credo in ogni caso – ha detto ancora il numero uno di Federalberghi eletto lo scorso novembre e che si appresta a vivere la prima stagione turistica in carica – che questo lungo ponte debba essere sia per noi imprenditori che per le amministrazioni locali un momento per capire che cosa possiamo migliorare in vista dell’estate. Non si potranno fare degli stravolgimenti, ma certamente potranno essere posti in essere dei correttivi per rendere migliore la stagione”. E continua: “Dobbiamo remare tutti dalla stessa parte per andare incontro alle nuove forme di turismo per non restare fermi e perdere appeal”. Secondo Luca D’Ambra bisogna puntare sul “Decoro urbano per rendere l’isola una meta più gradevole. Ma anche porre in essere dei progetti green. C’è una nuova fetta di turismo, infatti, che cerca mete sostenibili. Ma l’isola di Ischia ancora non è pronta”.  Secondo il rapporto di Fondazione UniVerde il 16% degli italiani pratica turismo sostenibile (dati di febbraio 2017). Il 45% ritiene di essere disposto a spendere di più (tra il 10% e 20%) per non danneggiare l’ambiente mentre il 42% si informa sull’impatto ambientale della struttura turistica: pannelli fotovoltaici e sistemi di risparmio dell’elettricità e dell’acqua sono fattori decisivi. Importanti anche la presenza di menù a km 0 e/o biologici (36%) e le modalità di raccolta dei rifiuti (35%). “Questo è solo uno degli aspetti del ‘nuovo’ turismo – ha concluso D’Ambra – al quale, però, la nostra isola, pur essendo l’isola Verde non è pronto”.  

Tags

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close